Ministro convalida sospensione preside

BRINDISI - Dopo un breve periodo di ferie forzate, il preside Angelo Rampino, è stato sospeso ufficialmente dal suo incarico in quella scuola. Il capo dipartimento del Miur ha confermato il provvedimento dell’Ufficio scolastico regionale della Puglia. Rampino tornerà in un istituto solo quando gli verrà comunicato l’eventuale assegnazione presso un’altra scuola, a quanto pare di una provincia diversa da quelle di Brindisi e Lecce. La decisione potrebbe giungere in queste settimane di trasferimenti che riguardano i dirigemnti scolastici. Pare che lo stesso Rampino abbia espresso il desiderio di ricevere un incarico lontano dai clamori e dalla vicende che lo hanno riguardato.

Francesco Profumo

BRINDISI Ad una settimana dal suo allontanamento ufficiale dall’Ipsss “Francesca Morvillo Falcone” di Brindisi, dopo un breve periodo di ferie forzate, il preside Angelo Rampino, è stato sospeso ufficialmente dal suo incarico in quella scuola. Il capo dipartimento del Miur ha confermato il provvedimento dell’Ufficio scolastico regionale della Puglia. Rampino tornerà in un istituto solo quando gli verrà comunicato l’eventuale assegnazione presso un’altra scuola, a quanto pare di una provincia diversa da quelle di Brindisi e Lecce. La decisione potrebbe giungere in  queste settimane di trasferimenti che riguardano i dirigemnti scolastici. Pare che lo stesso Rampino abbia espresso il desiderio di ricevere un incarico lontano dai clamori e dalla vicende che lo hanno riguardato.

La convalida da parte del ministro dell’Istruzione è un passaggio obbligato nei procedimenti cautelari come quello che riguarda il dirigente scolastico Angelo Rampino. Al suo posto, attualmente, e già da lunedì scorso, da quando il preside con la porta blindata non si era più presentato a scuola dopo che il suo periodo di ferie forzate era terminato il sabato precedente, c’è il professore Nicola Serratì, collaboratore scolastico dell’istituto di via Galanti. Il provvedimento della sospensione era stato notificato il 9 giugno scorso dall’Ufficio scolastico regionale a Rampino, poi il documento è passato in mano al ministro Francesco Profumo che ha dato convalidato la sospensione.

Angelo Rampino era stato individuato come un personaggio che nulla ha fatto per non far parlare di sé. Ad iniziare dalla porta blindata che lui stesso, due mesi prima dell’attentato, aveva fatto installare al suo ufficio, e al quale in corpo docente aveva addebitato il malessere che si respirava a pieni polmoni a scuola anche prima dell’attentato, e cresciuto in maniera esponenziale dopo. Anche il provveditore degli studi di Brindisi, Francesco Capobianco aveva commentato la notizia della sospensione “come una decisione consona alla situazione e che sicuramente era stata intrapresa per portare un po’ di tranquillità nell’istituto dopo la tragedia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento