Misterioso ferimento: arriva in ospedale colpito all'inguine

Un uomo di 47 anni originario di Ostuni: l'episodio è avvenuto a San Vito dei Normanni attorno alle 19. Indagano i carabinieri

SAN VITO DEI NORMANNI - Misterioso ferimento nella serata di oggi a San Vito dei Normanni: un uomo di 47 anni, N.T (le iniziali del nome e del cognome) è stato raggiunto da almeno un colpo di pistola all'altezza dell'inguine. E' accaduto attorno alle 19 in largo San Domenico.

Il 47enne, originario di Ostuni, è arrivato al pronto soccorso dell'ospedale della Città Bianca dove i medici gli hanno prestato le prime cure. Sono stati subito informati i carabinieri della compagnia di San Vito, arrivati in ospedale per raccogliere le prime informazioni.

E' stato poi disposto il trasferimento al Perrino di Brindisi, dove il ferito è stato ricoverato per l'intervento legato alle conseguenze urologiche delle lesioni (il proiettile ha perforato la vescica e danneggiato la branca ischiopubica).

I militari stanno accertando chi lo abbia accompagnato in ospedale, per avere i primi elementi utili alle indagini. E' stato già svolto un sopralluogo in largo San Domenico, dove c'è un bar e ci sono anche una chiesa e la biblioteca comunale, per verificare la presenza di telecamere e acquisire le immagini.

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Brindisi Multiservizi: ecco la graduatoria degli idonei all'assunzione

  • Chiuso sulla costa ristorante avviato senza autorizzazione comunale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento