Malore in casa: morto nonostante i soccorsi di polizia locale e 118

Vani i tentativi di rianimazione praticati su un 69enne. Gli agenti sono stati allertati dalle urla dei parenti

CEGLIE MESSAPICA – Nonostante i tentativi di rianimazione praticati prima dagli agenti della polizia locale e poi dal 118, non c’è stato nulla da fare per un 69enne (A.M.) colto da malore mentre si trovava all’interno della sua abitazione, in via Bari, nel centro di Ceglie Messapica.

Un equipaggio della polizia locale diretta dal comandante Cataldo Bellanova è stato allertato dalle urla dei parenti. Gli operatori immediatamente si sono fiondati nell’abitazione al primo piano, dove hanno trovato steso sul letto il proprietario, che purtroppo non dava segni di vita.

Gli agenti hanno immediatamente praticato il massaggio cardiaco (tutti gli appartenenti al Corpo di Polizia Locale sono operatori Blsd) sino all’arrivo del 118. Purtroppo tali tempestive manovre non hanno avuto esito positivo. Alle ore 8,55 il medico ha dichiarato il decesso per arresto cardio-circolatorio causato da un probabile infarto. Insieme all’equipaggio della polizia locale era intervenuto anche un sottufficiale dei carabinieri della locale stazione, che si trovava casualmente sul posto in abiti borghesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento