Motocross nel parco del Cillarese: giovane fermato dopo inseguimento

Circa 15 motociclisti si sono dati alla fuga alla vista dei carabinieri. Uno di loro è stato bloccato e multato

BRINDISI - Nell’ ambito dell’operazione “Bosco Sicuro”, tesa a reprimere attività illecite nei boschi della provincia, i Carabinieri Forestali della Stazione di Brindisi sono intervenuti nel bosco del Cillarese, nei pressi dell’omonimo invaso idrico, dove hanno sorpreso un gruppo di 15 motociclisti intenti a fare “cross” lungo sentieri e strade sterrate all’ interno dell’ “area verde”.

Alla vista della pattuglia dei militari, i motocrossisti si sono dati alla fuga, e dopo un lungo inseguimento uno di loro è stato bloccato, un 19enne brindisino. Il giovane “centauro” è risultato condurre un mezzo privo di immatricolazione, carta di circolazione e tantomeno certificato di assicurazione.

I Forestali, coadiuvati dal Nucleo Radiomobile, hanno pertanto proceduto al sequestro amministrativo della moto, per diverse infrazioni al Codice della Strada (art. 93, commi 1 e 7; art. 193, comma 2); per le suddette violazioni sono state elevate sanzioni fino a 5.000 euro.

Intanto proseguono i servizi per individuare gli altri componenti del gruppo di motoristi, ed in generale per garantire la corretta fruibilità dei “polmoni verdi” a ridosso della città: solo pochi giorni fa, nelle vicinanze, era stata posta sotto sequestro penale una vasta superficie ridotta a discarica abusiva, per la quale gli accertamenti in corso potranno consentire di identificare i responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Grave aggressione contro operatori del 118: danneggiata un'ambulanza

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento