lancio di rifiuti dall'auto: inquinatori incastrati dalle telecamere

Due cittadini multati grazie alle telecamere mobili installate nelle campagne di San Vito dei Normanni. Sanzioni fino a 3mila euro

SAN VITO DEI NORMANNI – Uno lancia una cassetta al volo e tira dritto. L’altro si ferma, preleva dei bustoni dal bagagliaio e gli scarica prima sul lato destro e poi su quello sinistro della strada. Ma proprio in quel punto era stata installata una telecamera che ha ripreso le targhe delle rispettive auto. Due incivili entrati in azione nelle campagne della zona industriale di San Vito dei Normanni sono stati multati dagli agenti della polizia locale coordinati dal comandante Alma Passante.

Inquinatori San Vito dei Normanni-2

L’identificazione è avvenuta grazie a un impianto di videosorveglianza con telecamere mobili, periodicamente ubicate in luoghi diversi del centro abitato e delle contrade, che negli anni passati aveva già consentito di smascherare altri inquinatori.

La polizia locale ha monitorato con attenzione la zona industriale, poiché qui, in passato, si sono verificati numerosi episodi di abbandono selvaggio di rifiuti.  L’area, soprattutto nella ore notturne, era meta di incivili senza scrupoli che facevano il carico di spazzatura (perlopiù materiale edile di risulta) e se ne sbarazzavano scaricandolo ai bordi della carreggiata. Ma condotte di questo tipo non erano più tollerabili. Ne sanno qualcosa i due cittadini immortalati dall’occhio elettronico, ai quali, ai sensi del Testo unico ambientale, sono state inflitte sanzioni amministrative che vanno da un minimo di 300 a un massimo di 3mila euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi-Taranto: attivato controllo giornaliero con Autovelox

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Doppio inseguimento e lancio di chiodi dopo assalto a bancomat

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

Torna su
BrindisiReport è in caricamento