Ricominciano le multe sulla litoranea di Brindisi, priva di parcheggi

La costa sud non è praticabile perché la spiaggia delle Saline è interdetta, e le spiagge di Cerano se l'è prese da molti anni la centrale Enel. La costa nord non è in gran parte praticabile per il rischio di frana della falesia

BRINDISI  - La costa sud non è praticabile perché la spiaggia delle Saline è interdetta, e le spiagge di Cerano se l’è prese da molti anni la centrale Enel. La costa nord non è in gran parte praticabile per il rischio di frana della falesia. Poi n on ci sono aree di sosta per le auto dei bagnanti. Per le pattuglie di vigili urbani impegnati nei servizi di viabilità sulla litoranea nord e di vigilanza sul rispetto dei divieti di accesso alla falesia, è come sparare alla croce rossa.

La gente che va al mare che deve fare? Ricorso al Tar? E il Comune di cosa si occupa nella stagione estiva, che piani ha per ripristinare il diritto ad una estate tranquilla, tra l’assedio dei divieti e l’impossibilità di parcheggiare nei pressi delle spiagge? E’ uno dei capitoli dolorosi della qualità della vita a Brindisi, ma ogni estate la situazione non cambia, i problemi sono sempre gli stessi, gli amministratori comunali pure, perché ci si lamenta tanto, ma poi o non si va a votare oppure non si cambia.

telelaser litoranea brindisi 2-2-2Il bollettino odierno della polizia municipale dice: “Purtroppo numerose sono le sanzioni correlate alla sosta – mordi e fuggi – in curva e nei tratti di spiaggia libera . Non mancano situazioni critiche, sin da ora ed in queste ore , in prossimità di alcune concentrazioni di lidi dov , comunque, non mancano spazi , aree , “terreni a piano” in qualche modo utilizzabili per la sosta prolungata e lontana dall’asse viario principale che , in questi giorni , funge da viabilità principale anche per numerosi mezzi di soccorso”.

Cosa vuol dire “in qualche modo utilizzabili”? Vacci a capire. Intanto bene le multe per chi, in questo tratto della provinciale 41, corre invece di rispettare i limiti di velocità. Maximulta da 828 euro, taglio di 10 punti e patente ritirata a causa del superamento dei limiti imposti dalla segnaletica stradale di oltre 60 chilometri orari rispetto al limite imposto per un brindisino colto in flagranza con il telelaser.

Poi anche due le sanzioni contestate ad altrettanti automobilisti per aver superato i limiti sino a 40 chilometri orari in più, con multe da 169 euro e taglio di 3 punti. Due  anche le sanzioni contestate ad altrettanti  automobilisti per aver superato i limiti di  non oltre 10 chilometri orari (41 euro).

Una mail del comandante della Polizia Municipale, Teodoro NigroGentile direttore, mi consentirà di poter , ove di bisogno , chiarire il suo virgolettato “in qualche modo utilizzabile” in quanto tradisce lo spirito costruttivo ed informativo con il quale si è voluto comunicare – stante le diverse infrazioni registrate - che la strada , il ciglio e  la banchina di pertinenza debbono – tecnicamente – essere liberi da auto che possono intralciare la intensa circolazione sulla litoranea nord S.P. n. 41 , asse viario rimasto come progettato diversi decenni or sono nonostante le frequentazioni si siano moltiplicate in ogni direzione sia abitativa che turistica e quindi pedonale ed automobilistica  .

L’automobilista attento come l’osservatore medio comprenderanno che i circa 10 chilometri che vanno da via Materdomini a c.da Apani – limite di territorio - presentano , in diversi tratti e punti , aree destinate alla sosta prolungata che non interferiscono con l’asse viario di percorrenza . Non solo in prossimità della città e della riserva di Torre Guaceto – cda Apani alcuni noti lidi presenti hanno  parcheggi organizzati e noti da diversi anni. Nonostante queste circostanziate situazioni nei tratti di curva  si assiste ad auto poste di traverso od in grave intralcio tanto da obbligare al senso unico alternato nel caso di autobus di linea. E l’azione  di controllo dei Vigili Urbani che intervengono risulta, spesso, quantitativamente impari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz dei carabinieri contro la Scu: 37 arresti per droga, armi ed estorsioni

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Operazione Synedrium: i pizzini, le armi e il ruolo delle donne

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento