Nel cantiere un cumulo di residui edili non trattati

OSTUNI - Non tutti gli scarti edili, prelevati da una cava e destinati ad essere riutilizzati (quale materiale di riempimento) nella costruzione di un’area parcheggio all’interno di un villaggio turistico lungo la costa, sarebbero risultati adeguatamente trattati. Tanto, almeno sarebbe emerso nel corso di un’ispezione eseguita nella mattina odierna dal personale del Comando stazione del Corpo forestale dello Stato di Ostuni.

Area sottoposta a sequestro

OSTUNI - Non tutti gli scarti edili, prelevati da una cava e destinati ad essere riutilizzati (quale materiale di riempimento) nella costruzione di un’area parcheggio all’interno di un villaggio turistico lungo la costa, sarebbero risultati adeguatamente trattati. Tanto, almeno sarebbe emerso nel corso di un’ispezione eseguita nella mattina odierna dal personale del Comando stazione del Corpo forestale dello Stato di Ostuni. I militari  hanno proceduto al sequestro di un terreno di circa 460 metri quadri sul quale risultava essere stato smaltito illegalmente un quantitativo di circa 600 metri cubi di rifiuti speciali corrispondenti a circa 40 tir su un’area in cui si sta realizzando un villaggio turistico nei pressi di Villanova di Ostuni. Tali rifiuti sarebbero risultati essere costituiti da residui di attività di demolizione e costruzione: mattoni, mattonelle, tubi elettrici ed idraulici, tufi, pietre, pezzi di sanitari.

La Forestale avrebbe accertato che i cumuli di rifiuti  venivano in un primo momento depositati, per poi essere successivamente spianati al fine di realizzare un terrapieno da destinarsi a parcheggio. Le indagini hanno portato ad individuare la provenienza dei rifiuti in questione; circa 40 Tir provenivano infatti solo formalmente dall’attività di recupero effettuata da una cava della zona, e trasportati come materia prima dichiarando che gli stessi erano stati sottoposti alle procedure di trattamento e bonifica previste per legge, risultando invece rifiuti a tutti gli effetti, e senza aver subito alcuna operazione di bonifica o messa in sicurezza.

Il sequestro in  questione avveniva all’interno di un cantiere destinato alla realizzazione di un villaggio turistico che sorgerà  tra il porto turistico di Villanova e la località Diana Marina. I militari hanno così proceduto a denunciare a piede libero il direttore  tecnico del cantiere e il legale rappresentante del Consorzio che sta eseguendo la realizzazione del villaggio turistico, nonché il titolare dell’impresa che effettua  il trasporto dei rifiuti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Green

    Torre Guaceto: "Un fiore all'occhiello da difendere"

  • Cronaca

    Terremoto: tre scosse nello stesso punto dal 2018

  • Cronaca

    Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Attualità

    Prorogato termine per richiesta di riduzione della Tari

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Sequestrati 350mila euro alla famiglia Bruno: indagati padre e figlio

  • Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Crollo solaio in una scuola: dimesso l'operaio, cantiere sotto sequestro

  • Strade e sottopassi allagati: anziani coniugi salvati dai carabinieri

  • Estorsione a una dipendente: denuncia e interdizione per un ristoratore

Torna su
BrindisiReport è in caricamento