Neutralizzato conducente ubriaco

CAROVIGNO – Erano uscite per un vasto servizio di repressione del bracconaggio, invece nella rete di due pattuglie della polizia provinciale di Brindisi è finito un automobilista completamente ubriaco che stava percorrendo la superstrada 379 in direzione di Bari seguendo una traiettoria a zig-zag. Che fosse totalmente annebbiato dall’alcol lo si è accertato quando la persona in questione, bloccata dalla Polizia provinciale con una manovra non priva di difficoltà, è stata con segnata ai carabinieri della compagnia di S.Vito dei Normanni e condotta presso l’ospedale di Ostuni per un test che ha dato esito positivo.

Polizia provinciale

CAROVIGNO – Erano uscite per un vasto servizio di repressione del bracconaggio, invece nella rete di due pattuglie della polizia provinciale di Brindisi è finito un automobilista completamente ubriaco che stava percorrendo la superstrada 379 in direzione di Bari seguendo una traiettoria a zig-zag. Che fosse totalmente annebbiato dall’alcol lo si è accertato quando la persona in questione, bloccata dalla Polizia provinciale con una manovra non priva di difficoltà, è stata con segnata ai carabinieri della compagnia di S.Vito dei Normanni e condotta presso l’ospedale di Ostuni per un test che ha dato esito positivo.

Dopo di ciò, l’automobilista è stato portato presso il comando stazione carabinieri di Carovigno, dove gli è stata ritirata la patente e si sono svolte le formalità di denuncia alla procura della Repubblica. Ma, come già detto, togliere dalla strada questa mina vagante non è stato semplice. Gli uomini delle due pattuglie della Polizia provinciale – che hanno ricevuto gli elogi del presidente Massimo Ferrarese – hanno sudato freddo per lunghi minuti. Il guidatore ubriaco è stato avvistato sulla carreggiata nord della 379 all’altezza dello svincolo per Pennagrossa e Serranova mentre il suo veicolo ondeggiava tra il guardrail di destra e il jersey spartitraffico.

Per neutralizzare la minaccia, una delle auto della Polizia provinciale ha superato quella del conducente fuori controllo mentre l’altra si accodava. È stato creato perciò un cuscinetto di sicurezza tra la fonte del pericolo e le altre auto. Alla fine si è riusciti a fare accostare l’ubriaco in una piazzola di sosta, e a quel punto la posizione è stata segnalata ai carabinieri che sono giunti sul posto in pochi minuti prendendo in consegna il pericolo pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Bimba nata morta all’ospedale Perrino”: denuncia dei genitori

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento