Non si arresta l'escalation di incendi auto a Ceglie: a fuoco altre 2 macchine

Ancora auto a Ceglie. Stavolta sono state danneggiate dalle fiamme una Lancia Ypsilom e una Toyota Ego che si trovavano nei pressi di una villetta rurale, sulla strada di collegamento per Cisternino. Erano circa le ore 2,50 della scorsa notte quando alcuni residenti hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco

CEGLIE MESSAPICA – Ancora incendi auto a Ceglie. Stavolta sono state danneggiate dalle fiamme una Lancia Ypsilom e una Toyota Ego che si trovavano nei pressi di una villetta rurale, sulla strada di collegamento per Cisternino. Erano circa le ore 2,50 della scorsa notte quando alcuni residenti hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco. Sul posto si è subito recata una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni, oltre a un equipaggio di carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni.

La Lancia risulta intestata a una donna di 39 anni, incensurata. Non sono state rinvenute tracce di dolo. Al momento pare non sussista alcun collegamento con i due raid incendiari ai danni delle auto del custode del cimitero e dell’impresario funebre Aldo Chinni verificatisi la scorsa settimana, rispettivamente la notte fra il 19 e il 20 novembre e quella fra il 21 e il 22 novembre.

Ma in precedenza erano andate a fuoco anche le auto di un camionista, di un pensionato, di un capostazione, di un netturbino e di altri cittadini onesta. Si tratta insomma di un’escalation senza fine, i cui responsabili sono rimasti finora impuniti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento