Non si arresta l'escalation di incendi auto a Ceglie: a fuoco altre 2 macchine

Ancora auto a Ceglie. Stavolta sono state danneggiate dalle fiamme una Lancia Ypsilom e una Toyota Ego che si trovavano nei pressi di una villetta rurale, sulla strada di collegamento per Cisternino. Erano circa le ore 2,50 della scorsa notte quando alcuni residenti hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco

CEGLIE MESSAPICA – Ancora incendi auto a Ceglie. Stavolta sono state danneggiate dalle fiamme una Lancia Ypsilom e una Toyota Ego che si trovavano nei pressi di una villetta rurale, sulla strada di collegamento per Cisternino. Erano circa le ore 2,50 della scorsa notte quando alcuni residenti hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco. Sul posto si è subito recata una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni, oltre a un equipaggio di carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni.

La Lancia risulta intestata a una donna di 39 anni, incensurata. Non sono state rinvenute tracce di dolo. Al momento pare non sussista alcun collegamento con i due raid incendiari ai danni delle auto del custode del cimitero e dell’impresario funebre Aldo Chinni verificatisi la scorsa settimana, rispettivamente la notte fra il 19 e il 20 novembre e quella fra il 21 e il 22 novembre.

Ma in precedenza erano andate a fuoco anche le auto di un camionista, di un pensionato, di un capostazione, di un netturbino e di altri cittadini onesta. Si tratta insomma di un’escalation senza fine, i cui responsabili sono rimasti finora impuniti. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • L'autofficina era abusiva: scattano denuncia e sequestro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento