Nuovo colpo alla Erg di Villanova

OSTUNI - Ladri ancora in azione lungo la statale 379 ai danni della stazione di servizio Erg situata all'altezza di Gorgognolo, in territorio di Ostuni. Il raid è avvenuto attorno alle 3 del mattino. Gli sconosciuti hanno fracassato la colonnina del distributore automatico, per mettere le mani sulla cassetta contente il danaro delle pompe self service.

Il colpo alla Erg del 22 agosto 2011

OSTUNI - Ladri ancora in azione lungo la statale 379 ai danni della stazione di servizio Erg situata all'altezza di Gorgognolo - Villanova, in territorio di Ostuni. Il raid è avvenuto attorno alle 3 del mattino. Gli sconosciuti hanno fracassato la colonnina del distributore automatico, per mettere le mani sulla cassetta contente il danaro delle pompe self service.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raggiunto l’obiettivo, i ladri hanno accertato che il bottino era esiguo, appena duecento euro. Poi la fuga. Sul posto per i rilievi e le indagini del caso gli agenti delle volanti. Il 22 agosto scorso la stessa stazione di servizio fu assaltata con un  trattore rubato vedi foto) per scardinare la colonnina con la cassa automatica, ma il colpo fallì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento