Occuparono Comune: multati

BRINDISI - Disoccupati, arrestati e ora multati. Per il sindacalista Bobo Aprile e i lavoratori senza occupazione che rappresenta, le buone notizie tardano a venire. Dopo gli arresti dello scorso autunno, infatti, adesso arrivano le notifiche di pagamento di 100 euro a testa per occupazione di suolo pubblico. Un’occupazione relativa alla sala di Giunta a Palazzo di Città del marzo 2011. Una multa che il movimento Brindisi Bene Comune rappresentata da Riccardo Rossi ha definito “paradossale e incredibile”.

Bobo Aprile, capo dei Cobas di Brindisi

BRINDISI - Disoccupati, arrestati e ora multati. Per il sindacalista Bobo Aprile e i lavoratori senza occupazione che rappresenta, le buone notizie tardano a venire. Dopo gli arresti dello scorso autunno, infatti, adesso arrivano le notifiche di pagamento di 100 euro a testa per occupazione di suolo pubblico. Un’occupazione relativa alla sala di Giunta a Palazzo di Città del marzo 2011. Una multa che il movimento Brindisi Bene Comune rappresentata da Riccardo Rossi ha definito “paradossale e incredibile”.

“Esprimiamo la nostra solidarietà nei confronti di Roberto Aprile e dei 36 disoccupati sempre più vessati da certe decisioni”, ha scritto Rossi in un comunicato ufficiale: “A Brindisi città abbiamo oltre ventimila disoccupati, uomini e donne oggi senza alcuna prospettiva. Non è assolutamente ammissibile che in queste condizioni lo Stato, incapace di dare risposte e reddito,pensi di risolvere la questione come un problema di ordine pubblico. Arresti e multe non sono le risposte che si possono dare a chi rivendica il lavoro come un diritto fondamentale riconosciuto dalla Costituzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La crisi - prosegue ancora la nota - non può essere il grimaldello con cui annullare i diritti e con essi la Democrazia. Invitiamo quindi la nuova amministrazione comunale ad intervenire e chiedere l’annullamento del provvedimento essendo il suolo pubblico indicato proprio quello di Palazzo di Città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento