Occupazioni abusive di immobili: vigili urbani in via Sele

Controllato l'edificio che in passato ha ospitato la scuola del rione Perrino, ora diventato rifugio per 13 brindisini rimasti senza casa dopo sfratti esecutivi

BRINDISI – I vigili urbani di Brindisi sono arrivati in via Sele per controllare l’immobile che ha ospitato la scuola elementare del rione Paradiso e che di recente è stato occupato da famiglie rimaste senza tetto. La vecchia scuola nell’inverno del 2013 ospitò i migranti sgomberati dal dormitorio di via provinciale per San Vito, mentre negli ultimi mesi è il rifugio di 13 brindisini costretti a fare i conti con sfratti diventati esecutivi per morosità.

L’operazione è stata disposta dal comandante Teodoro Nigro nell’ambito dei controlli per la lotta al fenomeno dell’occupazione abusiva di appartamenti e immobili di proprietà dell’Amministrazione comunale di Brindisi. Sono stati impegnati 15 poliziotti municipali.

Un'operazione analoga, condotta sempre dai vigili urbani, è stata condotta il 23 marzo scorso: in quella occasione furono trovati 21 brindisini, cinque dei quali minorenni. Le posizioni furono segnalate alla Procura della Repubblica.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Rifiuti, Regione in silenzio: a Brindisi gara ponte per un anno

  • Green

    Torre Guaceto: "Un fiore all'occhiello da difendere"

  • Cronaca

    Terremoto: tre scosse nello stesso punto dal 2018

  • Cronaca

    Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Sequestrati 350mila euro alla famiglia Bruno: indagati padre e figlio

  • Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Crollo solaio in una scuola: dimesso l'operaio, cantiere sotto sequestro

  • Strade e sottopassi allagati: anziani coniugi salvati dai carabinieri

  • Controlli dei carabinieri: due arresti. Rinvenute anche due auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento