Parla il pentito: “Quel brindisino esplose 13 colpi di pistola contro la mia casa”

Il leccese Angelo Corrado ricostruisce l’intimidazione avvenuta pochi giorni prima di Natale 2015

BRINDISI – Ha confessato di avere “ingenti debiti di droga” e di conoscere il nome del brindisino che in prossimità del Natale 2015 esplose una serie di colpi di pistola, 13 o 14, contro la sua abitazione. Ha svelato tutto, l’ultimo pentito leccese, Angelo Corrado, non formalmente affiliato alla Sacra Corona Unita, ma  attivo nella vendita di sostante stupefacente fornite da alcuni brindisini.

blitz le vele lecce brindisi-2

Il verbale

Il nome del brindisino chiamato in causa da Corrado emerge dal verbale reso dal leccese il 7 marzo 2016, in occasione di uno dei primi interrogatori con i pubblici ministeri della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, per spiegare le ragioni alla base della decisione di tagliare con il passato e di “interrompere ogni contatto con gli ambiente criminali”. Verbale riportato, a stralci, nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale salentino, Simona Panzera, eseguita l’altro mattina nei confronti di sedici uomini, due dei quali di San Pietro Vernotico, Giampiero Alula e Cesario Filippo, entrambi finiti ai domiciliari. A piede libero sono rimasti: Antonio Giglio, Antonio Sgura, Antonino Signorile e Cesare Iaia, tutti e due di brindisi e Mirco Della Porta e Gianluca Rubino, di Mesagne.

L’attentato

Il nome del brindisino è leggibile per esteso: non è stato coperto da omissis e non risulta essere indagato nell’inchiesta tenuta a battesimo con il nome Le Vele, l’ultima in ordine di tempo della Dda. Nell’ordinanza è riportato il cognome del brindisino ritenuto “pluripregiudicato” trattandosi di persona già condannato in passato per droga e per rapine. Attualmente è ristretto in una comunità.

Il pentito lo ha indicato solo per nome: “Non mi ricordo il cognome”, ha detto. Sarebbe l’autore del messaggio chiaramente intimidatorio che gli venne recapitato a colpi di pistola. “Pochi giorni prima di Natale il brindisino esplodeva numerosi colpi di pistola contro la mia abitazione a Frigole. Forse 13 o 14 colpi”, si legge nel verbale. “Dopo aver suonato al campanello della mia casa, prima di allontanarsi a bordo di una Giulietta di colore nero” ha fatto fuoco “colpendo una finestra e il soffitto”.

Il movente

Il movente, secondo lo stesso collaboratore, è da ricondurre a “debiti per droga con i fornitori di Brindisi”. Dopo quell’attentato, ce ne fu un altro riconducibile a tre leccesi, poi, la decisione di passare dalla parte dello Stato: “Per la necessità di salvaguardare la mia incolumità e quella dei miei familiari dalla vendetta dei fornitori”. Così è stato. Ha iniziato a rendere dichiarazioni e quelle affermazioni, dopo essere state riscontrate, hanno portato ai primi arresti.

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

  • Lavastoviglie: consigli per averla sempre pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Tre quintali di droga abbandonati in un uliveto: carico da 1,5 milioni

  • Ruba un'auto e ne fa un clone di quella identica di un amico

Torna su
BrindisiReport è in caricamento