Parto quadrigemellare al "Perrino": una femminuccia a tre maschietti

BRINDISI – Non si vedeva un parto quadrigemellare dal 1993, all’ospedale “Perrino” di Brindisi: stamattina in piena azione i medici e i paramedici delle unità di ostetricia e ginecologia e Utin, per affrontare un evento eccezionale. Tutto è andato bene. Dopo 30 settimane di gestazione (circa sette mesi) sono nati Gabriele, Daniele, Matteo e Sarah, bellissimi nomi biblici, un segno di speranza. Sta bene anche la madre, la signora Bice Perrucci di Manduria. Il papà è Domenico Friolo.

L'ospedale Perrino di Brindisi

BRINDISI – Non si vedeva un parto quadrigemellare dal 1993, all’ospedale “Perrino” di Brindisi: stamattina in piena azione i medici e i paramedici delle unità di ostetricia e ginecologia e Utin, per affrontare un evento eccezionale. Tutto è andato bene. Dopo 30 settimane di gestazione (circa sette mesi) sono nati Gabriele, Daniele, Matteo e Sarah, bellissimi nomi biblici, un segno di speranza. Sta bene anche la madre, la signora Bice Perrucci di Manduria. Il papà è Domenico Friolo.

Dalla prima ecografia sino a stamattina il monitoraggio della gravidanza è stato accurato e particolarmente impegnativo. Bisognava moltiplicare tutto per quattro: dall’ecografia alle altre indagini strumentali, l’impegno del ginecologo era moltiplicato. Poi è arrivato il giorno del parto, non ulteriormente rinviabile, in un ospedale particolarmente attrezzato per simili evenienze. L’Unità di terapia intensiva neonatale del “Perrino” è più che una garanzia.

Così, venuti alla luce poco dopo le 8 tra le attenzioni dell’equipe del direttore di Ginecologia e ostetricia, dottor Gianfranco Nacci, i quattro gemellini sono stati affidati subito alle cure di un’altra squadra, quella del dottor Giuseppe Latini. Procedure standard per casi come quello di stamani.

“La cosa importante è che sono stabili, e reagiscono bene alle cure”, ha spiegato il dott. Enrico Rosati, che assieme ai colleghi Giovanna Pontrelli e Lorenzo Quartulli, e alle infermiere Maria Marseglia e Franca Convertino ha cominciato subito ad occuparsi dei quattro fratellini di Manduria. Sarah e i suoi tre gemelli sono stati posti nelle incubatrici, intubati e collegati al ventilatore automatico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo ottimisti –dice ancora il dott. Rosati- e bisognerà attendere che vengano superati i primi giorni e i rischi delle criticità che ci si possono attendere in bambini di sette mesi e di peso appena superiore al chilogrammo”. Ma da domani mattina i quattro fratellini del “Perrino” potrebbero dover dividere la notorietà con altri in arrivo a Tricase. Anche in questo caso il parto sarà quadrigemellare. Mai vista una simile coincidenza in Puglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento