Sbarre sollevate ma passa il treno: provvidenziale l'intervento di un cittadino

Grosso rischio sabato pomeriggio al passaggio a livello di via Osanna: "Nonostante il semaforo rosso, una sbarra non si abbassa, poi si solleva anche l'altra. Poco dopo passa il treno"

BRINDISI – Scatta il rosso ma una sbarra resta sollevata. Poco dopo, con entrambe le sbarre sollevate, passa il treno. Grazie al provvidenziale intervento di un cittadino, Italo Liccci, che ha bloccato le auto su entrambi i lati, si è evitato l’incidente ieri pomeriggio (sabato 21 dicembre) presso il passaggio a livello di via Osanna, a Brindisi. L’impianto è andato in tilt intorno alle ore 14.50, nel pieno del traffico cittadino.

“Con il semaforo rosso – racconta a BrindisiReport Italo Licci – è rimasta sollevata la sbarra che si trova dalla parte di via Osanna”.  Poco dopo, con numerose auto in sosta su entrambi i versanti dell’attraversamento ferroviario, si solleva anche la sbarra lato via Provinciale San Vito. A quel punto Italo Licci, consapevole del pericolo, scende subito sulla sua auto e fa segno agli automobilisti, sia a quelli diretti verso via Osanna che a quelli in marcia verso via Provinciale San Vito, di restare fermi. “E infatti, poco dopo – racconta ancora Licci – nonostante entrambe le sbarre fossero sollevate, è passato il treno”.

Ha assistito alla scena anche una professoressa che ha raccontato l’accaduto sul suo profilo Facebook, elogiando l’intervento di Italo Licci, suo vecchio alunno. “Incredibile – si legge nel posto della donna – io guidavo quella macchina (l’auto che si vede nella foto, ferma davanti al passaggio a livello con la sbarra sollevata, ndr), mi ero fermata capendo il pericolo, ma, avendo dimenticato il cellulare a casa, non potevo far altro che bloccare le altre auto”.

La signora a quel punto, con il clacson, esorta Licci a non attraversare i binari. “Ho ammirato quello che hai fatto – si legge ancora nel post, rivolto a Licci – avvisando subito il personale della stazione ferroviaria, spiegando a chi sopraggiungeva perché non dovesse passare e piazzando la tua auto per bloccare tutti”. Fortunatamente tutto è andato bene, ma il rischio è stato grosso. “Fate sempre attenzione – invita Licci – prima di attraversare il passaggio a livello. Sono sconcertato e preoccupato per quello che è accaduto”.

Non è la prima volta, del resto, che il passaggio a livello di via Osanna fa i capricci. Nel dicembre 2017 un’auto rimase bloccata a causa dell’improvviso abbassamento delle sbarre. Un episodio analogo si verificò anche nel mese di marzo dello stesso anno. E per tornare ai nostri giorni, anche se ad altre latitudini della provincia, va ricordato che lo scorso 13 dicembre il parabrezza di un pullman a bordo del quale si trovava una comitiva di studenti fu danneggiato a causa dell’improvviso abbassamento di una sbarra del passaggio a livello situato sulla strada provinciale fra Oria a Francavilla Fontana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

Torna su
BrindisiReport è in caricamento