“Per i sei mesi del 2015 ho percepito 82mila euro al lordo delle imposte”

Mario Valente commissario dell’Autorità portuale rende nota l’indennità di carica percepita da luglio dello scorso anno e pubblicata sul sito internet dell’Ente. Rimborsate le spese per missioni pari a 3.674 euro

BRINDISI – Sei mesi di lavoro nel 2015, come commissario dell’Autorità portuale di Brindisi, a cui spetta di diritto l’indennità di funzione pari a 82.558,95, euro, al lordo delle imposte.

La somma è stata comunicata dal Capitano di Vascello, Mario Valente, nominato con decreto dal ministro dei Trasporti, alla scadenza del mandato del presidente Iraklis Haralambidis, ed è anche riportata sul sito internet dell’Ente, basta cliccare sul link dedicato alla Trasparenza.

L’atto di nomina risale al 10 luglio dello scorso anno. Quanto alla somma percepita, va ovviamente conteggiata partendo dall’indennità che spetta al presidente, dalla quale bisogna sottrarre il venti per cento, stando alle disposizioni di legge, per cui si arriva alla somma lorda di  251.019,11  che si riferisce ai dodici mesi. L’ulteriore sottrazione porta 82.558,95.

Quanto ai contributi Inps e Irap a carico dell’Ente  sono pari a  46.078,02, così come sono a carico dell’Authority le spese r per missione al Presidente/Commissario rimborsate per 3.674,02 per l’intero anno 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento