Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

L'incidente è avvenuto in fase di decollo sull’aviosuperficie Sant’Andrea di contrada Giammarino, tra la frazione di Borgagne e la marina di Torre Sant’Andrea

MELENDUGNO – Sono stati attimi di forte tensione, per fortuna non sfociati in una tragedia, quelli vissuti nel pomeriggio di oggi nelle campagne di Melendugno a causa di un velivolo ultraleggero che ha subito un incidente. Il fatto è avvenuto nei pressi dell’aviosuperficie Sant’Andrea di contrada Giammarino, tra la frazione di Borgagne e la marina di Torre Sant’Andrea.

Erano da poco trascorse le 17 quando il piccolo velivolo, a bordo del quale erano in due (pilota 72enne di Brindisi e passeggero 62enne di Bari, per motivi da accertare, mentre era in fase di decollo, è andato a collidere contro un muretto a secco, abbattendone letteralmente una porzione, per poi fermarsi definitivamente in mezzo a un campo.

L’atterraggio, in qualche modo, è comunque riuscito, ma pilota e passeggero sono rimasti contusi a causa del brusco impatto. Dal velivolo, tuttavia, ne sono usciti sulle proprie gambe e questo ha subito confortato chi era a terra, che nei primi momenti deve aver temuto persino il peggio, visti gli effetti dell’impatto.

GUARDA LA GALLERY

Ovviamene, sono subito stati composti i numeri d’emergenza e sul posto, un luogo noto fra gli appassionati, dove vi è una scuola di volo da diporto e sportivo, sono arrivati in breve gli operatori del 118, una squadra di vigili del fuoco e carabinieri. I due malcapitati sono stati medicati: hanno riportato qualche escoriazione, ma, a quanto sembra, nulla di serio. Forse, più forte è stato lo choc per quanto avvenuto.

Il piccolo aereo, infatti, è ridisceso ben oltre la pista, oltrepassando la parete che delimita l’area del campo di volo da un’abitazione, sorvolando il tetto di questa, per poi schiantarsi diversi metri più avanti, contro il muro perimetrale dell'ampio giardino. Non è da escludere, vista la dinamica, un’avaria che potrebbe aver obbligato a una manovra d’emergenza. Di certo, se il velivolo avesse colpito il muretto in maniera frontale, invece che con la pancia, probabilmente l'epilogo sarebbe stato ben altro. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento