Incidente con lo scooter: 16enne positivo al test antidroga

Trovate tracce di cannabinoidi nel sangue. Il ragazzo guarirà in 20 giorni, ma è stato deferito alla Procura per i minorenni

Un ragazzo di 16 anni di Ostuni è stato deferito alla Procura della Repubblica per i minorenni per per guida in stato di alterazione psicofisica dovuta all’uso di stupefacente del tipo cannabinodi , al termine di accertamenti condotti dai carabinieri del Norm della compagnia di Fasano in seguito ad un incidente stradale.

Il giovane era a bordo di un motociclo di proprietà del padre, ed ha riportato 20 giorni di prognosi per trauma contusivo alla spalla destra. Le analisi tossicologiche lo hanno trovato positivo all’uso di stupefacente, circostanza penalmente rilevante, che ha avuto come conseguenza oltre la denuncia anche il ritiro della patente di guida.

Sempre i carabinieri di Fasano, per restare in tema, hanno denunciato in stato di libertà un 41enne della Città della Selva. L’uomo, fermato alla guida della sua auto nell’ambito di un servizio di controllo sulla circolazione stradale, si è rifiutato di sottoporsi agli accertamenti al fine di verificare il suo eventuale stato di alterazione psico-fisica da sostanze alcoliche.

Era invece palesemente ubriaco un operaio 46enne fermato a piedi nel centro storico di Fasano da una pattuglia del Norm. La sua alterazione psicofisica era evidente, per cui i carabinieri lo hanno segnalato all’autorità amministrativa per ubriachezza, e gli hanno contestato la prevista sanzione pecuniaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, App di un brindisino emigrato a Londra dopo la laurea

  • Scontro fra auto e bici: muore infermiera, un arresto per omicidio stradale

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Ospedale Perrino, l'oncologa Palma Fedele premiata per empatia con le pazienti

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento