Rintracciato a Fasano soggetto sfuggito ad una operazione antidroga

Girolamo Spagnuolo, 47 anni, era ricercato da ottobre dai carabinieri di Torre Annunziata, nel Napoletano

FASANO – Rintracciato e arrestato un soggetto originario di Fasano che si era sottratto alla cattura nello scorso mese di ottobre nel corso di una operazione antidroga condotta dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata. Girolamo Spagnuolo, 47enne, era sparito prima che i militari lo raggiungessero per notificargli il provvedimento restrittivo, legato ad  una complessa attività d’indagine condotta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia della nota città costiera del Napoletano.

I fatti contestati anche a Spagnuolo risalgono al periodo giugno-dicembre 2015. L’indagato è stato cercato dai carabinieri di Torre Annunziata nella zona di Fasano, dove è stato infine localizzato, e i militari della compagnia locale, ricevuta la notizia della presenza del latitante, hanno avviato immediatamente le indagini riuscendo a individuare il rifugio di Girolamo Spagnuolo e a catturarlo.

L’arrestato aveva cercato di depistare i militari presentandosi come persona separata dalla moglie e in cerca di una sistemazione momentanea, ma vistosi scoperto non ha opposto resistenza alla cattura e, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, come disposto dall’autorità giudiziaria. Nel corso delle operazioni di arresto, a seguito di perquisizione, il 47enne è stato trovato in possesso di 1,5 grammi di hascisc, e quindi è stato anche segnalato come assuntore alla Prefettura di Brindisi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento