Coronavirus: "Pugliesi di rientro dal Nord contattino le autorità sanitarie"

Misura di prevenzione adottata dalla Regione Puglie in previsione del massiccio flusso di studenti che torneranno a casa

BRINDISI – Tutti i cittadini che rientrano in Puglia provenienti da Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e che vi abbiano soggiornato negli ultimi 14 giorni, "sono invitati a comunicare la propria presenza nel territorio della Regione Puglia con indicazione del domicilio al proprio medico di medicina generale ovvero, in mancanza, al Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente al fine di permettere l’esercizio dei poteri di sorveglianza sanitaria”. 

Lo dispone la Regione Puglia, attraverso una ordinanza emessa nella giornata odierna dal governatore Michele Emiliano, nell’ambito delle misure di contrasto al coronavirus. Si tratta di un provvedimento adottato in previsione del gran numero di persone, soprattutto studenti, che in questi giorni stanno lasciando le regioni del Centro-Nord Italia in cui si registrano dei focolai, per rientrare dalle rispettive famiglie. La Regione ad ogni modo chiarisce che “allo stato non si registra alcun caso di coronavirus in Puglia”. “Ci sono al momento – prosegue - cinque casi che presentano sintomi sovrapponibili a quelli del coronavirus e sono tutti in corso di accertamento”.

Per domani mattina, intanto, alle ore 10, il Capo nazionale della protezione civile ha convocato tutti i presidenti di Regione per dare disposizioni in materia. Nel frattempo la task force regionale è al lavoro dall’inizio dell’emergenza su tutti gli aspetti organizzativi ed è inoltre in contatto permanente con la sala operativa della Protezione civile.

Va ricordato infine che “tutti gli individui che sono transitati e hanno sostato dall’1 febbraio 2020 nei comuni di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D'Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini nella Regione Lombardia, di Vo’ nella Regione Veneto, invece, come previsto dal decreto emesso sabato scorso (23 febbraio) dal Consiglio dei ministri, hanno l’obbligo di “comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, ai fini dell’adozione, da parte dell’autorità sanitaria competente, di ogni misura necessaria, ivi compresa la permanenza fiduciaria con sorveglianza attiva”.

Aeroporti di Brindisi e Bari: "Intensificate le attività di sanificazione"

Per quanto riguarda gli aeroporti di Brindisi e Bari,  "Aeroporti di Puglia conferma che la situazione negli aeroporti pugliesi è seguita con la massima e dovuta attenzione. In coordinamento con il Ministero della Salute, Umaf, il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, Enac, Assaeroporti, Regione Puglia, Protezione Civile regionale - si legge in una nota dell'ente aeroportuale - vengono rigorosamente applicati i protocolli al momento previsti in materia di controlli ai passeggeri in arrivo".

"A tal proposito Aeroporti di Puglia ringrazia le organizzazioni sindacali del personale della società per la sensibilità dimostrata in sede di tavolo permanente di confronto istituito al fine di recepire eventuali indicazioni e sollecitazioni da parte di quanti sono impegnati in prima linea nell’attività di assistenza ai passeggeri".

"Al contempo, al fine di assicurare  la necessaria tranquillità  a tutti gli operatori aeroportuali e ai passeggeri, sono state intensificate le attività di sanificazione ambientale, di pulizia nelle aree aeroportuali e sui mezzi. In accordo con le preposte strutture aziendali, è stata predisposta  la distribuzione al personale di front line di mascherine e guanti monouso".

"Aeroporti di Puglia - si legge ancora nella nota - conferma che la propria struttura, ad ogni livello, è costantemente impegnata nel monitorare la situazione e pronta a porre tempestivamente in essere ogni iniziativa utile alla salvaguardia della salute pubblica, attenendosi  a eventuali  nuove  determinazioni che verranno assunte dalle Autorità competenti".

I canali di comunicazione di Aeroporti di Puglia - Facebook, Instagram -  sono a disposizione di quanti avranno necessità di informazioni. Eventuali ulteriori richieste potranno essere indirizzate a info@aeroportidipuglia.it.


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

  • Controlli anti contagio: multati un barbiere e il suo cliente a Brindisi

  • Coronavirus: 22 nuovi contagi e un decesso in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento