Principe del Montenegro e ambasciatore. Titoli falsi e foto anche con vip: denunciati

Dopo la segnalazione del Ministero degli Esteri, i carabinieri risalgono alla vera identità di due uomini, un torinese e un avellinese: sono accusati di falsa attestazione sulla identità personale; possesso e fabbricazione di documenti di identità falsi. Sono stati in vacanza in un resort di Fasano la scorsa estate dove hanno incontrato imprenditori, politici e anche rappresentanti del clero

La Mercedes del finto principe

BRINDISI - Uno si presentava come il "Principe Stefan di Montenegro e Macedonia", l'altro come suo ambasciatore in Italia. Viaggiavano a bordo di una Mercedes con bandierine del corpo diplomatico e la scorsa estate, in un resort di Fasano, hanno incontrato imprenditori, politici e anche rappresentanti del clero, mostrando titoli nobiliari per proporre scambi culturali dall'altra parte dell'Adriatico ottenendo soggiorni in località di lusso. In una parola: una farsa. Tutto autenticamente falso, pubblicizzato su Facebook. La fine della storia tarocco è arrivata con denunce vere a carico dei due, scoperti e identificati dai carabinieri dopo una segnalazione del Ministero degli Affari Esteri.

Cernetic (56)-2

C.S., nato a Trieste 57 anni residente a Torino, censurato e S.S., nato a Quindici (Avellino) 63, censurato sono accusati di falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico Ufficiale sulla identità personale o su qualità personali proprie o di altri; possesso e fabbricazione di documenti di identità falsi. Il primo si era auto proclamato S.A. Reale Imperiale Cerneticil Prìncipe Stefan di Montenegro e Macedonia, il secondo era diventato suo ambasciatore in Italia. 

Cernetic (58)-2

L’attività di indagine ha avuto inizio alla fine del mese di agosto 2016, quando il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Cerimoniale Diplomatico della Repubblica di Roma, ha segnalato che tale "Stefan Cernetic" durante una sua recente visita in Puglia aveva utilizzato un’autovettura Mercedes con insegne della Repubblica del Montenegro e adesivi del Corpo Diplomatico: come poteva avere quei titoli, se non era un funzionario diplomatico dell’Ambasciata del Montenegro in Italia? Non godeva di alcuna immunità o privilegio sul territorio italiano ex Convenzione di Vienna del 1961.

Cernetic (1)-2

Gli accertamenti condotti dai militari hanno permesso di scoprire che nel periodo di tempo compreso tra il 25 e il  31 luglio 2016, la coppia aveva trascorso una vacanza in un dei resort più rinomati della zona di Fasano e qui aveva avuto incontri con rappresentanti del clero, della politica e dell’imprenditoria del Nord della provincia di Brindisi e del Sud di quella di Bari. La Mercedes con le bandierine era stata vista anche qui.  "C.S. e il suo “ambasciatore” hanno messo in piedi una macchinosa pantomima che, attraverso siti internet e profili Facebook, e con l’accredi