Se la Cassazione stoppa le confische

BRINDISI - La notizia arriva da Palermo, al centro c'è un complesso di ville sul golfo di Mondello costruite da una impresa in odore di mafia, le famiglie interessate dalla sentenza non sono oltre 200 come ad Acque Chiare ma solo tredici, ma forse tra i due casi potrebbe esserci qualche attinenza, perchè in discussione c'è sempre il principio della buona fede degli acquirenti. Lo stop alla confisca per le case di Pizzo Sella, quella che gli ambientalisti hanno definito «la collina del disonore», è giunto dalla Terza sezione della Corte di Cassazione.

Il villaggio Acque Chiare

BRINDISI - La notizia arriva da Palermo, al centro c'è un complesso di ville sul golfo di Mondello costruite da una impresa in odore di mafia, le famiglie interessate dalla sentenza non sono oltre 200 come ad Acque Chiare ma solo tredici, ma forse tra i due casi potrebbe esserci qualche attinenza, perchè in discussione c'è sempre il principio della buona fede degli acquirenti.  Lo stop alla confisca per le case di Pizzo Sella, quella che gli ambientalisti hanno definito «la collina del disonore», è giunto dalla Terza sezione della Corte di Cassazione.

Le ville tornano ai privati. La Suprema Corte ha rigettato i ricorsi presentati dal Comune e dalla Procura generale di Palermo. Per tredici famiglie, ufficialmente proprietarie degli immobili in contenzioso ormai dal 1997, sembra concludersi un incubo. La confisca viene definitivamente revocata, come riportano alcuni quotidiani locali. "Si tratta di un grande risultato per noi - spiega il legale dei residenti - l'avvocato Giorgio Ganci - perchè finalmente viene legittimata la buonafede di chi aveva acquistato quegli immobili con i risparmi di una vita".

Il problema, dice l'avvocato Ganci, è che "bisognava distinguere sin dall'inizio chi non poteva immaginare che dietro a quel progetto ci fosse un ecomostro e chi, invece, voleva specularci". La vicenda delle abitazioni di Pizzo Sella, comincia addirittura nel 1978, quando la Sicilcalce Spa, una ditta vicina all'allora boss di CosaNostra Michele Greco, ottiene 314 concessioni edilizie. Dopo alterne vicende, che hanno visto l'alternarsi di diversi costruttori, il progetto passò alla Calcestruzzi di Gardini e Ferruzzi.

La Calcestruzzi con un mutuo di 36 miliardi di lire, ottenuto dal Monte dei Paschi di Siena, in un paio d'anni riuscì a completare e vendere le prime villette: strutture, 170 in tutto, delle quali cinquantanove sono attualmente abitate. "Molte di queste - aggiunge l'avvocato Ganci - non sono neanche state terminate. Quelle che adesso tornano in possesso dei legittimi proprietari sono infatti state vendute a loro dalla società ex Poggio Mondello, mentre vi sono ancora lotti in cui sono presenti strutture in cemento non concluse e appartengono ad altre due ditte, Baia del Paradiso e Residence".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento