Rame: tagliano i cavi, treni in tilt

BRINDISI - Malgrado gli arresti, non si fermano le razzie di rame in provincia di Brindisi, dove da stamani alle 6 sino al primo pomeriggio Trenitalia e Rete ferroviaria italiana hanno dovuto rallentare la circolazione dei convogli sulla linea per Taranto, a causa del tentativo di furto dei cavi che comandano la segnalatica di sicurezza lungo i binari.

Passaggio a livello chiuso nei pressi della stazione di Mesagne

BRINDISI - Malgrado gli arresti, non si fermano le razzie di rame in provincia di Brindisi, dove da stamani alle 6 sino al primo pomeriggio Trenitalia e Rete ferroviaria italiana hanno dovuto rallentare la circolazione dei convogli sulla linea per Taranto, a causa del tentativo di furto dei cavi che comandano la segnalatica di sicurezza lungo i binari.

I ladri sono stati costretti ad abbandonare precipitosamente l'attività a causa dell'arrivo delle forze dell'ordine, ma i tentativi di furto, ben due, hanno costretto Trenitalia a far viaggiare i convogli con un ritardo medio di 35 minuti, mentre le squadre di Rete ferroviaria italiana riparavano le linee danneggiate.

L'asportazione o il danneggiamento anche di parte dei cablaggi provoca in automatico l'attivazione di tutti i sistemi di sicurezza lungo la linea interessata, provocando di fatto la fermata dei treni in attesa dell'accertamento delle cause.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento