Rapina all’ospedale: sotto tiro il Cup

OSTUNI - Rapinatore solitario in azione, nel pomeriggio, presso gli Uffici del Cup dell’ospedale civile, ad Ostuni. L’incursione è avvenuta attorno alle 15.30. In via di quantificazione il bottino, che dovrebbe comunque aggirarsi attorno a 2.500 euro. Nel mirino del malvivente le casse del Centro di prenotazione della Asl. A fare irruzione all’interno della sala, seminando il panico tra gli impiegati, sarebbe stato un giovane, armato di pistola e con il volto travisato. Dopo aver messo piede oltre l’uscio, il giovane in cerca di grana si sarebbe diretto verso lo sportello, palesando in maniera concitata le sue intenzioni.

L'ospedale di Ostuni

OSTUNI - Rapinatore solitario in azione, nel pomeriggio, presso gli Uffici del Cup dell’ospedale civile, ad Ostuni. L’incursione è avvenuta attorno alle 15.30. In via di quantificazione il bottino, che dovrebbe comunque aggirarsi attorno a 2.500 euro. Nel mirino del malvivente le casse del Centro di prenotazione della Asl. A fare irruzione all’interno della sala, seminando il panico tra gli impiegati, sarebbe stato un giovane, armato di pistola e con il volto travisato. Dopo aver messo piede oltre l’uscio, il giovane in cerca di grana si sarebbe diretto verso lo sportello, palesando in maniera concitata le sue intenzioni.

Arma puntata contro un’operatrice della Asl, avrebbe intimato a tutti di restare fermi. Quindi avrebbe prelevato nel giro di pochi secondi l’incasso, caricando i soldi in una busta, per poi tagliare in fretta la corda, fuggendo a piedi e facendo perdere le proprie tracce. Non è escluso che dietro l’angolo lo attendesse un complice, in sella ad uno scooter. Conti alla mano, il bottino dell’incursione si aggirerebbe attorno  2.500 euro.

Gli agenti del Commissariato di pubblica sicurezza della Città bianca, giunti poco dopo sul posto, hanno avviato una serie di verifiche e diversi posti di blocco. La caccia all’uomo è ancora in corso. Le indagini puntano in più direzioni, con controlli anche nei centri limitrofi. Soltanto poche settimane fa, gli stessi uffici del Cup furono presi di mira dai banditi in piena notte. Un’incursione furtiva e nel mirino la cassaforte. L’assalto in quella circostanza fruttò circa 15.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

  • Coronavirus: "Pugliesi di rientro dal Nord contattino le autorità sanitarie"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento