Rapinate le Poste a Torre Canne

TORRE CANNE (FASANO) - Attende il direttore di filiale al suo arrivo, gli punta una pistola contro, gli fa aprire la cassaforte e si fa consegnare il contenuto. Poi fugge lanciando, in un giardinetto, l'arma che si rivelerà essere una pistola giocattolo, facendo perdere le proprie tracce. Mattinata da incubo alla filiale delle poste di Torre Canne di via del Faro, situata a qualche centinaio di metri dalla caserma della Guardia di Finanza.

Controlli dei carabinieri della Compagnia di Fasano

TORRE CANNE (FASANO) - Attende il direttore di filiale al suo arrivo, gli punta una pistola contro, gli fa aprire la cassaforte e si fa consegnare il contenuto. Poi fugge lanciando, in un giardinetto, l'arma che si rivelerà essere  una pistola giocattolo, facendo perdere le proprie tracce. Mattinata da incubo alla filiale delle poste di Torre Canne di via del Faro, situata a qualche centinaio di metri dalla caserma della Guardia di Finanza.

Erano le 7.50 quando il rapinatore solitario ha sorpreso alle spalle Marco Elia, 44anni di Polignano, direttore di filiale, minacciandolo con una pistola per introdursi negli uffici. Una volta all'interno avrebbe ordinato al malcapitato: “Prendimi i soldi”. Danaro che il direttore ha prelevato dalla cassaforte e consegnato il rapinatore che, una volta arraffato, il bottino si è dileguato a piedi facendo perdere le proprie tracce.

Secondo la versione fornita dalla vittima pare che ad attendere il malvivente non ci fossero complici. Indagano per risalire all'autore della rapina i carabinieri della compagnia di Fasano guidati dal capitano Gianluca Sirsi. Sulle prime si era diffusa la voce che ad agire potesse essere stata una persona di colore, ma la voce non ha trovato conferme (anche perchè il direttore di filiale essendo stato sorpreso alle spalle non ha avuto modo di rendersi conto di chi lo minacciasse).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'unico elemento utile, per quanto possibile, è che ad agire possa essere stata una persona di corporatura robusta. Il bottino, ancora in corso di quantificazione, ammonterebbe a qualche migliaio di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Ceglie Messapica. Al San Raffaele positiva una fisioterapista. Altri in quarantena

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Cinque nuovi casi in provincia di Brindisi, nessuna persona deceduta

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

Torna su
BrindisiReport è in caricamento