Ricercatori Cetma senza stipendio: "Assenti in occasione della visita della Ministra"

Protesta bianca sabato mattina quando arriverà la rappresentante del Governo: "Estremo disagio finanziario per 80 ricercatori a causa di ritardi nei pagamenti da parte del Miur: non percepiscono busta paga da gennaio 2017 e da aprile è stata attivata la Cassa Integrazione Ordinaria con riduzione delle ore lavorative giornaliere"

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa dei ricercatori del Consorzio Cetma aderenti alla Cgil CdLT di  Brindisi, alla Fiom-Cgil e alla Rsa Fiom Cgil.

I Ricercatori del Consorzio Cetma iscritti alla Fiom-Cgil dichiarano che, in occasione della visita della Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Valeria Fedeli programmata per sabato 22 aprile presso la Cittadella della Ricerca, non saranno presenti all’iniziativa in forma di protesta bianca.

Unitamente ai rappresentanti di Cgil e Fiom-Cgil intendono portare all’attenzione della Ministra e dell’opinione pubblica  la situazione di estremo disagio finanziario in cui versano circa 80 ricercatori del Cetma a causa dei  ritardi cronici dei pagamenti da parte del Miur. Il Cetma è in attesa di incassare diversi milioni di euro a fronte dei 21 milioni di euro già spesi su 23 progetti di ricerca e formazione completati al 31/12/2015, finanziati dal Pon Ricerca e Competitività 2007-2013. Questa situazione vale per il Cetma ma vale anche per la maggior parte dei soggetti privati che hanno deciso di partecipare ad un bando Pon nel lontano 2010.

Nell’ultimo anno i ricercatori del Cetma sono stati costretti ad accettare dilazioni o ritardi nei pagamenti degli stipendi, ritrovandosi insieme ai rispettivi nuclei familiari in situazioni di estremo disagio finanziario. Attualmente i ricercatori non percepiscono lo stipendio da Gennaio 2017 e da Aprile è stata attivata la Cassa Integrazione Ordinaria con riduzione delle ore lavorative giornaliere di 2 ore per tutti gli 80 dipendenti.

La situazione per i ricercatori è ormai insostenibile e non più tollerabile, pertanto si richiede un intervento immediato e risolutivo da parte della Ministra. Allo stesso modo i ricercatori auspicano che durante l’incontro di Sabato con i Dirigenti del Cetma venga discussa approfonditamente la questione e che la Ministra Fedeli prenda un impegno serio per la risoluzione in tempi brevissimi del problema.

Sindacato e dipendenti auspicano che una realtà consolidata come il Cetma, costituita da persone qualificate che hanno creduto e credono ancora che in Italia si possa fare ricerca scientifica e ricerca applicata, possa continuare a svolgere un ruolo da protagonista nel mondo della Ricerca, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico a livello regionale, nazionale ed internazionale come è avvenuto negli ultimi ventidue anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      Msc Crociere conferma lo scalo del porto di Brindisi anche per il 2019

    • Cronaca

      “Ero esasperato: a quell’imprenditore avevo prestato 1.500 euro”

    • Cronaca

      Da Restinco a Berlino per progettare e compiere attentati, arrestato 22enne congolese

    • Cronaca

      Cimitero, il Comune dimentica di inserire le tariffe nel bando per i servizi

    I più letti della settimana

    • Lavoro nero nei cantieri e abusivismo edilizio: 40 denunce nel Brindisino

    • Cade mentre pota un albero: tragedia nelle campagne di Ostuni

    • Scatta l'allarme, fallisce furto col buco in negozio di abbigliamento

    • Attentato a pizzeria nel Bellunese, ferito gravemente giovane brindisino

    • Spari e tentata estorsione a un imprenditore agricolo: arrestato dalla Mobile

    • Incidente nel centro abitato: moto fuori controllo finisce su auto in sosta

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento