Richieste di soldi per ritirarsi dalle aste, perizia al processo

SAN PIETRO VERNOTICO – Una casa sottoposta a sequestro e in attesa di essere venduta all’asta; l’interessamento di tre persone che, secondo l’accusa, assicurano al proprietario che possono ritirarsi dall’asta ma dietro compenso; la denuncia alla Guardia di Finanza corroborata da una cassetta audio nella quale sono registrati i colloqui fra i tre e il denunciante. Oggi il collegio (presidente Licci, giudici Fiorentino e Scuzzarella) ha affidato l’incarico peritale per la trascrizione del contenuto. E il processo, nell’attesa di avere queste trascrizioni, è stato aggiornato al 3 dicembre.

SAN PIETRO VERNOTICO – Una casa sottoposta a sequestro e in attesa di essere venduta all’asta; l’interessamento di tre persone che, secondo l’accusa, assicurano al proprietario che possono ritirarsi dall’asta ma dietro compenso; la denuncia alla Guardia di Finanza corroborata da una cassetta audio nella quale sono registrati i colloqui fra i tre e il denunciante. Oggi il collegio (presidente Licci, giudici Fiorentino e Scuzzarella) ha affidato l’incarico peritale per la trascrizione del contenuto. E il processo, nell’attesa di avere queste trascrizioni, è stato aggiornato al 3 dicembre.

Gli imputati sono Ivo Giordano. Antonio Stabile e Mario Massari, tutti e tre di San Pietro Vernotico, difesi dall’avvocato Domenico Valletta. La parte offesa è Massimiliano Miglietta, genero del proprietario della casa che doveva essere venduta all’asta. Una storia di debiti che si trascinava da tempo, finita con il sequestro dell’immobile e quindi la fissazione della vendita all’asta. In questo contesto, accusa Miglietta, entrano in ballo i tre.

Lui non ci sta ai ricatti e si rivolge al comandante della Guardia di Finanza di San Pietro Vernotico, maresciallo Saponaro. Nel corso delle indagini vengono effettuate intercettazioni di colloqui. I tre finiscono sotto processo per estorsione. Si difendono sostenendo che c’è stato un malinteso. I testimoni escussi invece confermano. Qualcuno dice pure che i tre usavano fare questo giochetto nelle vendite all’asta. Nella prossima udienza sarà sentito il maresciallo della Guardia di Finanza Nico Salati.

Potrebbe interessarti

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Fai da te, barbecue in muratura: come realizzarlo

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Altri temporali in arrivo, l'allerta meteo passa ad arancione sulla costa

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Trovato alla guida di un trattore rubato del valore di 50mila euro: arrestato

  • Morto Uccio Daniele: cominciò con una piccola bottega al S.Angelo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento