Accumulo di rifiuti tra gli ulivi: sequestro e denuncia

Sigilli a un'area di tre ettari: la proprietaria stava realizzando un piazzale e una strada interna a servizio del fabbricato

CAROVIGNO - Rifiuti, anche pericolosi, ammassati in un'area piena di ulivi, destinata a diventare strada interna per raggiungere un fabbricato: la zona in agro di Carovigno, è stata posta sotto sequestro e la proprietaria, una donna di 47 anni, A.P, è stata denunciata.

I sigilli sono stati apposti dai carabinieri forestali all'area che si trova in contrada Pietrafitta, nell’ agro di Carovigno, estesa per tre ettari: aerano in corso lavori edili su un fabbricato. "Nel fondo rustico sono stati scaricati a più riprese rifiuti in grandi quantità, di diversa natura: scarti di demolizioni edili, legno, plastica, terre e rocce da scavo, pneumatici fuori uso, metalli vari, e finanche catrame di carbone (rifiuto pericoloso)", spiegano i militari.

L’ altezza raggiunta dai cumuli spianati è stata misurata fino a 4,5 metri, lungo una parete dell’ immobile, e comunque tale da ricoprire in buona parte i tronchi degli ulivi presenti nel fondo. Il sequestro preventivo di iniziativa si è reso necessario in quanto l’ attività illecita presentava evidente carattere di continuità. La superficie include anche una porzione di proprietà dell’ Acquedotto Pugliese.

Potrebbe interessarti

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Farmaci generici e farmaci di marca: sono uguali?

  • Come organizzare una cena a buffet a casa

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

I più letti della settimana

  • Ritrovato il giovane mesagnese scomparso a Milano ad aprile scorso

  • Vessata per 18 anni dal marito e dalla suocera: l'incubo di una donna

  • Tir si ribalta, poi tamponamento a catena: doppio incidente sulla statale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Tamponamento sulla superstrada: tre feriti, anche una bambina. Auto distrutte

  • Arriva l'ondata di caldo: ci salverà in parte il maestrale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento