Accumulo di rifiuti tra gli ulivi: sequestro e denuncia

Sigilli a un'area di tre ettari: la proprietaria stava realizzando un piazzale e una strada interna a servizio del fabbricato

CAROVIGNO - Rifiuti, anche pericolosi, ammassati in un'area piena di ulivi, destinata a diventare strada interna per raggiungere un fabbricato: la zona in agro di Carovigno, è stata posta sotto sequestro e la proprietaria, una donna di 47 anni, A.P, è stata denunciata.

I sigilli sono stati apposti dai carabinieri forestali all'area che si trova in contrada Pietrafitta, nell’ agro di Carovigno, estesa per tre ettari: aerano in corso lavori edili su un fabbricato. "Nel fondo rustico sono stati scaricati a più riprese rifiuti in grandi quantità, di diversa natura: scarti di demolizioni edili, legno, plastica, terre e rocce da scavo, pneumatici fuori uso, metalli vari, e finanche catrame di carbone (rifiuto pericoloso)", spiegano i militari.

L’ altezza raggiunta dai cumuli spianati è stata misurata fino a 4,5 metri, lungo una parete dell’ immobile, e comunque tale da ricoprire in buona parte i tronchi degli ulivi presenti nel fondo. Il sequestro preventivo di iniziativa si è reso necessario in quanto l’ attività illecita presentava evidente carattere di continuità. La superficie include anche una porzione di proprietà dell’ Acquedotto Pugliese.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio nella notte: distrutta casetta in legno e danneggiato pub

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale nel centro abitato: donna in ospedale

  • Cronaca

    Rapinatore armato di pistola piomba in farmacia e porta via 600 euro

  • Cronaca

    Rubano auto a un'anziana: "La usava per andare a fare fisioterapia"

I più letti della settimana

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • Tamponamento a catena sulla superstrada: un'auto si ribalta

  • Scu, il nuovo pentito: “La mia latitanza tra Fasano e Porto Cesareo”

  • "Dopo l'incidente torno alla mia vita: grazie a medici e infermieri del Perrino"

  • Brindisi già capitale: Forza Italia ci riprova, depositata proposta di legge

  • Cipolle di cocaina, coppia brindisina finisce sotto indagine

Torna su
BrindisiReport è in caricamento