Rifiuti nocivi a pochi metri dagli impianti sportivi: "Subito una bonifica"

In balia degli inquinatori la strada per Sant'Angelo, al Sant'Elia, nei pressi dell'impianto Cedas Avio e di una palestra

BRINDISI – A poche decine di metri da un impianto di campi di calcio e da una palestra, c’è una strada trasformata in una discarica a cielo aperto. Di tratta della strada per Sant’Angelo, un’arteria che si dirama da via Pellizza da Volpedo, collegando il rione Sant’Elia a una zona di campagna in cui si trovano diverse villette.

Rifiuti strada Sant'Angelo-2

I residenti sono esasperati. Un padre di famiglia, in particolare, ha contattato la redazione di BrindisiReport per manifestare profondo sdegno nei confronti degli incivili che hanno trasformato questa strada in una distesa di rifiuti di ogni tipo. Purtroppo fra i cumuli di spazzatura ci sono anche dei materiali nocivi.

Rifiuti strada Sant'Angelo 4-2

“Viviamo nel timore – spiega il residente – di inalare le sostanze tossiche sprigionate dalla combustione dei rifiuti, se si considera che gli incendi sono abbastanza frequenti in questa zona”. I residenti chiedono con urgenza un intervento di bonifica dell’area. Ma se non cambierà la mentalità degli inquinatori che riempiono le periferia di discariche abusive, il problema si riproporrà di continuo. 

Potrebbe interessarti

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Conservazione dei cibi: sai quali sono quelli da tenere fuori dal frigo?

  • Open space: il frigorifero intelligente per la vostra casa

  • Bidoni della spazzatura: come pulirli e igienizzarli

I più letti della settimana

  • Lite in spiaggia: pugni e bastonate contro dipendenti di un lido

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • “Scu, nuove leve in gruppi tipo gangsteristico. Unione tra Brindisi e Lecce”

  • Muore sul tavolo operatorio dopo nove ore: avviate le indagini

  • Brindisino arrestato a Lecce per detenzione di cocaina in dosi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento