Si gira anche a Brindisi il film sull'attivista e intellettuale Mario Mieli

Una settimana di riprese tra la nostra città e Lecce sulla vita di uno dei sostenitori dei diritti degli omosessuali

Il regista Andrea Adriatico con l'attore Nicola Di Benedetto. Sotto una foto di mario Mieli; accanto l'attore che lo interpreta

BRINDISI - La storia di Mario Mieli, primo intellettuale italiano studioso delle teorie di genere, attivista omosessuale, scrittore e performer nell’Italia degli anni Settanta, raccontata nel film “Gli anni amari” di Andrea Adriatico. Dopo Milano, Bologna, Sanremo e prima di approdare a Londra, da lunedì 8 ottobre per una settimana le città di Lecce e Brindisi ospitano le riprese del film dedicato all’intellettuale milanese.

Scritto da Grazia Verasani, Andrea Adriatico e Stefano Casi, il film ripercorre la vita e i luoghi di Mieli, tra i fondatori del movimento omosessuale nostrano. “Gli anni amari” ricuce alcuni momenti della vita personale e pubblica di Mieli, interpretato dal giovane attore Nicola Di Benedetto al suo debutto cinematografico.

MARIO MIELI foto d'archivio-2Nicola Di Benedetto interpreta MARIO MIELI in GLI ANNI AMARI-2Nato nel 1952 a Milano e morto tragicamente suicida nel 1983, Mario è stato intellettuale, scrittore, attivista, performer, provocatore ma, soprattutto, pensatore e innovatore dimenticato. Il cast artistico si completa con gli attoriLorenzo Balducci, Antonio Catania, Sandra Ceccarelli, Lorenzo Balducci, Davide Merlini, Francesco Martino, Tobia De Angelis e Giovanni Cordì.

Per il regista Andrea Adriatico “Gli anni amari” è “l’attraversamento di un’epoca, di quei vitali, difficili, creativi, dolorosi e rimossi Anni ‘70. È anche la rievocazione di un necessario movimento per i diritti, come quello omosessuale, che doveva inventare forme nuove per farsi riconoscere. Ed è soprattutto il ritratto di un ragazzo la cui genialità, la cui libertà interiore e la cui gioia di vivere erano troppo intense per il mondo che lo circondava. Gli anni amari è tutto questo, o almeno cerca di esserlo”.

Prodotto da L’Altra Cinemare con Rai Cinema, in collaborazione con Pavarotti International 23 srl e il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema, il film da ottenuto il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (29.137,50 euro) a valere su risorse del POR Puglia 2014/2020 e il sostegno di Apulia Film Commission.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Tenta rapina in rivendita di pane, il titolare reagisce e lei fugge: denunciata

  • San Vito dei Normanni. Carabiniere fuori servizio blocca corsa clandestina, due giovani denunciati

Torna su
BrindisiReport è in caricamento