Rosa Marina, sequestrata discarica: una denuncia

Sigilli apposti dai carabinieri forestali di Ostuni a un'area di tre ettari: in fiamme amianto e plastica

OSTUNI -  Scoperta e sequestrata dai carabinieri forestali di Ostuni un’ area di circa 3,50 ettari, recintata, all’interno del complesso residenziale di Rosa Marina, in cui venivano  accumulati ed abbandonati rifiuti speciali di ogni tipo, anche pericolosi: materiali da demolizioni edili, pneumatici fuori uso, plastiche, bombolette spray, elettrodomestici, parti di autoveicoli, lastre di ondulato in cemento-amianto, in parte incendiati.

Rosa Marina discarica 1-2

I militari hanno denunciato l’ amministratore unico della società di gestione dei terreni, C.P., anni 53, di Ostuni, a cui è stato contestato il reato di attività di gestione di discarica non autorizzata, destinata anche soltanto in parte all’ illecito smaltimento di rifiuti pericolosi, secondo il dettato dell’ art. 256, comma 3, del “Codice dell’ Ambiente” (decreto legislativo n. 152 del 2006), con deferimento alla Procura della Repubblica di Brindisi. Per questa fattispecie di reato la pena prevista è dell’ arresto da 1 a 3 anni congiuntamente ad un’ammenda da 5.200 a 52.000 euro. Si ricorda che, poiché nella discarica erano presenti anche rifiuti pericolosi, non è stato possibile applicare le norme dettate dalla legge 68 del 2015, che hanno introdotto un regime di favore per “ravvedimenti operosi”, con il ripristino dello stato dei luoghi entro termini prescritti, ma solo per rifiuti non pericolosi, consentendo al trasgressore di definire in via amministrativa la violazione di legge.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi-Taranto: attivato controllo giornaliero con Autovelox

  • Doppio inseguimento e lancio di chiodi dopo assalto a bancomat

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento