Ruba un cappello al Decathlon: taccheggiatore colto in flagranza

Gli addetti alla sicurezza lo sorprendono con la refurtiva nella tasca del giubbotto. Intervenuti i carabinieri

BRINDISI – Aveva nascosto la refurtiva nella tasca del giubbotto, ma i sensori antifurto si sono attivati al momento del suo passaggio. Grazie all'intervento degli operatori di sicurezza dell’Isi Group un altro taccheggiatore è stato sorpreso in flagranza di reato all’interno del negozio Decathlon di Brindisi. Si tratta di un 50enne di San Vito dei Normanni. Questi si era impossessato furtivamente di un cappello del valore pari a 8 euro, nascondendolo nella tasca del giubbotto.

Intorno alle ore 10,30 si è diretto verso l’uscita dell’attività commerciale. Ma una volta giunto soglia, l’addetto alla sicurezza, dopo l’attivazione del sistema anti furto, lo ha sottoposto a controllo, scoprendo la refurtiva. A quel punto sono stati chiamati i carabinieri, che hanno proceduto con una denuncia.

Numerosi taccheggiatori sono stati stoppati nel 2018 dagli addetti alla sicurezza del Decathlon. L’ultimo episodio risale allo scorso 16 dicembre, quando un giovane di Cisternino venne sorpreso con un paio di guanti nascosti nelle tasche. Anche in quel caso, modestissimo il valore della refurtiva: appena 7 euro.  

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Chiuso sulla costa ristorante avviato senza autorizzazione comunale

  • Brindisi Multiservizi: ecco la graduatoria degli idonei all'assunzione

Torna su
BrindisiReport è in caricamento