Rubano 300 litri di super

BRINDISI – Continuano i furti indiscriminati ai danni di commercianti, imprenditori agricoli, privati cittadini ed enti del Brindisino: dopo il furto di uva, quello di detersivi e computer all'asilo, questa notte nel mirino dei ladri alla ricerca di materiale da trasformare in denaro c’è finita (per l'ennesima volta) la stazione di servizio “Energia Siciliana” sulla strada che collega San Vito dei Normanni a Brindisi.

Distributore Energia Siciliana sulla Brindisi-San Vito

BRINDISI – Continuano i furti indiscriminati ai danni di commercianti, imprenditori agricoli, privati cittadini ed enti del Brindisino: dopo il furto di uva, quello di detersivi e computer all'asilo, questa notte nel mirino dei ladri alla ricerca di materiale da trasformare in denaro c’è finita (per l'ennesima volta) la stazione di servizio “Energia Siciliana” sulla strada che collega San Vito dei Normanni a Brindisi.

I ladri sono riusciti ad asportare dalle cisterne circa trecento litri di benzina.  Sul posto per i rilievi di rito si sono recati gli agenti della sezione volanti della questura di Brindisi. Sembrerebbe che non sia la prima volta che la stazione di servizio Energia Siciliana sulla strada per San Vito, viene presa di mira dai ladri di carburante, tanto che il gestore aveva installato un dispositivo di allarme proprio sul tombino della cisterna.

L'uomo vive insieme alla famiglia nelle vicinanze della stazione di servizio ma quando è arrivato sul posto i ladri erano già spariti con trecento litri di benzina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Bimba nata morta all’ospedale Perrino”: denuncia dei genitori

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento