Sassaiola contro la Morvillo

BRINDISI - E' accaduto alle 18 circa di ieri, sabato 14 luglio. Una grandinata di sassi lanciati dalla strada hanno infranto tre vetrate dell'Istitu to professionale per i servizi sociali di Brindisi, la scuola colpita dall'attentato del 19 maggio scorso. Non è la prima volta che il simbolo di una tragedia diventa bersagio dell'idiozia di pochi.

L'Istituto professionale Morvillo

BRINDISI - E' accaduto alle 18 circa di ieri, sabato 14 luglio. Una grandinata di sassi lanciati dalla strada hanno infranto tre vetrate dell'Istitu to professionale per i servizi sociali di Brindisi, la scuola colpita dall'attentato del 19 maggio scorso. Non è la prima volta che il simbolo di una tragedia diventa bersagio dell'idiozia di pochi.

Basti pensare ai vergognosi guppi di imbecilli che su Facebook hanno ironizzato sulla morte di Melissa Bassi. Sulla sassaiola contro le vetrate della Morvillo Falcone stanno indagando i carabinieri della compagnia di Brindisi per appurare se si sia trattato solo di un atto vandalico.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ennesima rapina a Brindisi: bandito al discount del quartiere Bozzano

    • Cronaca

      Decine di persone raggirate in mezza Italia: arrestato recordman delle truffe

    • Cronaca

      Nuovo attentato incendiario a Carovigno: nel mirino un ingegnere del Comune

    • Cronaca

      Lavoro, stipendi più alti a Bolzano. Brindisi agli ultimi posti

    I più letti della settimana

    • Auto si ribalta in via Carmine: paura per un gruppo di giovani

    • Lavoro nero nei cantieri e abusivismo edilizio: 40 denunce nel Brindisino

    • Due titolari di palestre condannati per aver redatto diete senza essere abilitati

    • Cade mentre pota un albero: tragedia nelle campagne di Ostuni

    • Scatta l'allarme, fallisce furto col buco in negozio di abbigliamento

    • Attentato a pizzeria nel Bellunese, ferito gravemente giovane brindisino

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento