Sassaiola contro la Morvillo

BRINDISI - E' accaduto alle 18 circa di ieri, sabato 14 luglio. Una grandinata di sassi lanciati dalla strada hanno infranto tre vetrate dell'Istitu to professionale per i servizi sociali di Brindisi, la scuola colpita dall'attentato del 19 maggio scorso. Non è la prima volta che il simbolo di una tragedia diventa bersagio dell'idiozia di pochi.

L'Istituto professionale Morvillo

BRINDISI - E' accaduto alle 18 circa di ieri, sabato 14 luglio. Una grandinata di sassi lanciati dalla strada hanno infranto tre vetrate dell'Istitu to professionale per i servizi sociali di Brindisi, la scuola colpita dall'attentato del 19 maggio scorso. Non è la prima volta che il simbolo di una tragedia diventa bersagio dell'idiozia di pochi.

Basti pensare ai vergognosi guppi di imbecilli che su Facebook hanno ironizzato sulla morte di Melissa Bassi. Sulla sassaiola contro le vetrate della Morvillo Falcone stanno indagando i carabinieri della compagnia di Brindisi per appurare se si sia trattato solo di un atto vandalico.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      Santa Teresa, salvataggio impraticabile: partono i licenziamenti

    • Cronaca

      Pigiama prende fuoco per la stufa a gas: bimbo in prognosi riservata

    • Cronaca

      Giunta Carluccio, scintille tra i Cor e Rollo sulla quota rosa

    • Cronaca

      Cocaina divisa in 18 dosi e duemila euro alle spalle del Verdi: arresto convalidato

    I più letti della settimana

    • La scala si ribalta e cade battendo la testa: muore poco dopo in ospedale

    • Scontro fra quattro veicoli sulla provinciale: un morto e tre feriti

    • Aereo ultraleggero si schianta nel Leccese: due brindisini in Rianimazione

    • Milly Carlucci medicata al Pronto soccorso del Perrino dopo una caduta

    • Carico di droga sequestrato a largo di Brindisi: tre arresti dopo inseguimento in mare

    • Hascisc e marijuana nella cappa della cucina: arrestato un giovane brindisino

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento