Scoperta autocarrozzeria totalmente abusiva: sequestro e multa

Scoperta nell’ambito dei controlli volti a reprimere gli illeciti commessi da esercizi di autoriparazione, soprattutto abusivi

SAN MICHELE SALENTINO - Nell’ambito dei controlli volti a reprimere gli illeciti commessi da esercizi di autoriparazione, soprattutto abusivi, i carabinieri della stazione di San Michele Salentino hanno accertato che, presso una struttura adiacente ad un’abitazione di campagna, lungo la strada provinciale che collega Ceglie Messapica a San Vito dei Normanni, venivano eseguiti lavori di carrozzeria su alcuni autoveicoli.

Insieme ai militari della stazione Forestale di Ceglie Messapica, hanno constatato che l’attività era esercitata dal proprietario, 48enne di San Michele, in modo del tutto abusivo, non essendo mai stato iscritto nell’ apposito elenco degli autoriparatori presso la Camera di Commercio di Brindisi. Come è noto, l’autorizzazione viene rilasciata dall’Ente solo previa verifica dei necessari requisiti tecnici, logistici e professionali.

In applicazione dell’articolo 10 della legge 122 del 1992, i carabinieri di San Michele Salentino e forestali di Ceglie Messapica hanno proceduto congiuntamente al sequestro di tutta l’attività, attrezzature comprese. Al proprietario ed esercente abusivo è stata comminata una multa che va dai 5 ai 15mila euro.

Potrebbe interessarti

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Conservazione dei cibi: sai quali sono quelli da tenere fuori dal frigo?

  • Open space: il frigorifero intelligente per la vostra casa

  • Bidoni della spazzatura: come pulirli e igienizzarli

I più letti della settimana

  • Lite in spiaggia: pugni e bastonate contro dipendenti di un lido

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • “Scu, nuove leve in gruppi tipo gangsteristico. Unione tra Brindisi e Lecce”

  • Muore sul tavolo operatorio dopo nove ore: avviate le indagini

  • Scu e droga, processo d’Appello: tutte le richieste di condanna

Torna su
BrindisiReport è in caricamento