"Sei tu il titolare?", poi la spranga

SAN VITO DEI NORMANNI – “Sei tu il titolare dell'agenzia?”. Poi hanno estratto una spranga di ferro e lo hanno colpito alla testa e alle gambe, dopodiché sono fuggiti a bordo di un'auto dove probabilmente c'era un terzo complice. Si è consumata così poco dopo le 9 di oggi l'aggressione nei confronti del 35enne sanvitese Andrea Guarini.

L'agenzia dove si è verificata l'aggressione

SAN VITO DEI NORMANNI – “Sei tu il titolare dell'agenzia?”. Poi hanno estratto una spranga di ferro e lo hanno colpito alla testa e alle gambe, dopodiché sono fuggiti a bordo di un'auto dove probabilmente c'era un terzo complice. Si è consumata così poco dopo le 9 di oggi l'aggressione nei confronti del 35enne sanvitese Andrea Guarini titolare di un'agenzia di pratiche automobilistiche in via Mesagne a San Vito.

L'uomo si è fatto trasportare da un'ambulanza del 118, chiamata da egli stesso, in ospedale dove è stato medicato e dimesso con una prognosi, fortunatamente di 12 giorni. Dell'aggressione, poi, sono stati informati i carabinieri. Nella sede dell'agenzia, ubicata alle spalle della chiesa matrice nel centro di San Vito, si sono recate due pattuglie della locale compagnia diretta dal capitano Ferruccio Nardacci che hanno ascoltato la vittima ed eseguito il sopralluogo necessario per individuare elementi utili alle indagini.

I due aggressori hanno agito a volto scoperto, per Guarini erano facce completamente sconosciute. Almeno così avrebbe riferito ai carabinieri. Non aveva mai visto prima quegli uomini e non sarebbe nemmeno stato in grado di fornire dettagli sull'accento o su segni particolari. Nell'agenzia non ci sono telecamere e al momento i militari non hanno a disposizione fotogrammi di altre abitazioni o attività commerciali poste nelle vicinanze. Ma le ricerche dei responsabili sono appena cominciate.

Le indagini procedono in tutte le direzioni, Guarini non ha mai avuto problemi con la giustizia e non avrebbe, da quanto egli stesso ha riferito, ricevuto, nei giorni scorsi, minacce di alcun genere. Un'aggressione che ha il sapore del mistero quindi, almeno sulla base degli elementi raccolti fino a questo momento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

Torna su
BrindisiReport è in caricamento