Discarica di rifiuti pericolosi circondata dagli ulivi: sequestro e denuncia

Rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi sono stati stoccati e tombati abusivamente nelle campagne di Oria. Il sito è stato scoperto dai carabinieri del Noe. Denunciato il proprietario del sito, un imprenditore

ORIA – In un terreno circondato da oliveti, erano stati depositati stoccati illecitamente e smaltiti mediante tombamento varie tipologie di rifiuti pericolosi. La scoperta è stata fatta dai carabinieri del Noe di Lecce in contrada Salinelle, nelle campagne di Oria, nel corso di uno specifico servizio di contrasto alle irregolarità in materia ambientale, effettuato unitamente al VI nucleo elicotteri dei carabinieri di Bari. Il sito è stato sottoposto a sequestro preventivo d’urgenza. 

IMG_20170517_144707-2

Si tratta di un terreno agricolo recintato di circa tremilatrecento metri quadrati, all’interno del quale sono stati trovati rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi costituiti da pezzi di ferro, onduline in eternit, calcestruzzo solidificato, conglomerato bituminoso e conci di tufo.     

Al termine del controllo, il proprietario dell’area, un imprenditore, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Brindisi; le ipotesi di reato contestate dal Noe sono quelle della gestione illecita di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi , e della discarica abusiva.  

Il valore del terreno sequestrato è di circa cinquantamila euro.  Prontamente informate dal Noe sia l’autorità giudiziaria, per la convalida, che quelle amministrative per i provvedimenti discendenti.   
  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, App di un brindisino emigrato a Londra dopo la laurea

  • Scontro fra auto e bici: muore infermiera, un arresto per omicidio stradale

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Ospedale Perrino, l'oncologa Palma Fedele premiata per empatia con le pazienti

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento