Sequestrata officina completamente abusiva: multati anche i clienti

Un'attività di officina meccanica e autocarrozzeria aperta senza alcuna autorizzazione è stata scoperta dai carabinieri forestali

CEGLIE MESSAPICA - Nell’ambito della campagna di controlli pianificata dal Gruppo carabinieri forestali di Brindisi, i militari del comando stazione di Ceglie Messapica hanno sottoposto a sequestro amministrativo dei locali, con relative attrezzature, in località San Vito-Convento Vecchio, nell’ agro cegliese, dove veniva esercitata attività di officina meccanica e autocarrozzeria in modo del tutto abusivo e trasparente al Registro imprese della Camera di Commercio di Brindisi.

Per tutto il materiale sarà disposta la confisca, secondo le disposizioni della Legge 122 del 1992, mentre per il titolare dell’attività, nel caso specifico il trentaduenne D.M., è prevista una sanzione pecuniaria (“multa”) da 2.500 a 15.000 euro.

La sanzione è scattata, nella misura di 86 euro, anche per i clienti che avevano ivi condotto le proprie autovetture in riparazione.

Il fenomeno degli autoriparatori abusivi è ancora alquanto diffuso sul territorio, e pertanto i Carabinieri forestali stanno concentrando gli sforzi per sradicarlo: tali esercizi sono spesso ubicati in aree rurali o comunque fuori da centri abitati, raggiungibili con strade secondarie e pertanto poco visibili ai “non addetti ai lavori”.

La presenza di questi esercizi abusivi costituisce una “sacca” di illegalità ove, oltre all’aspetto dell’omessa registrazione, che sottende spesso il mancato possesso dei requisiti tecnici di legge, si riscontrano l’assoluta irregolarità nella gestione dei rifiuti, anche pericolosi, provenienti dall’ attività, nonché l’“impermeabilità” fiscale, a tutto danno degli autoriparatori onesti e scrupolosi, e naturalmente dell’ ambiente naturale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Hanno scoperto un'officina abusiva? Ma dai..., ma davvero? E qui in provincia di Brindisi? Quasi quasi non ci credo... ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah aha ah . ma se cose del genere esistono, a Brindisi come nei paesi della provincia, da una vita, comparendo e scomparendo periodicamente, ora ne beccano, guarda caso, una. Ma per favore... come disse il grande Totò.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caso Cucchi: lettera di minacce a una stazione dell'Arma di Brindisi

  • Cronaca

    Inseguimento nelle campagne si conclude con un'auto incendiata e una denuncia

  • Cronaca

    Quando lo stalker è vicino di casa: brindisino finisce in carcere

  • social

    Elezioni 2019: ecco come si vota

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Controlli dei carabinieri: due arresti. Rinvenute anche due auto

  • Ospedale Perrino, donati gli organi di una donna morta a 62 anni

  • Minacciato e rapinato dell'auto: caccia ai banditi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento