Sequestrate otto ville in collina

VILLA CASTELLI - Villette con piscina costruite sulla base di concessioni per residenze agricole. Una “maxi speculazione edilizia” è stata scoperta a Villa Castelli, dove la guardia di finanza sta notificando provvedimenti di sequestro preventivo di 8 abitazioni di lusso e contestualmente sta notificando avvisi di garanzia a 25 persone. Il valore degli immobili supera gli 8 milioni di euro.

Controlli della Finanza

VILLA CASTELLI - Villette con piscina costruite sulla base di concessioni per residenze agricole. Una “maxi speculazione edilizia” è stata scoperta a Villa Castelli, dove la guardia di finanza sta notificando provvedimenti di sequestro preventivo di 8 abitazioni di lusso e contestualmente sta notificando avvisi di garanzia a 25 persone. Il valore degli immobili supera gli 8 milioni di euro.

Le accuse formulate sono di lottizzazione abusiva, abuso d’ufficio, falso ideologico e abusi edilizi a dipendenti pubblici, tecnici professionisti, rappresentanti delle imprese costruttrici, proprietari dei terreni e beneficiari di concessioni edilizie. Secondo quanto contestato nei provvedimenti disposti dal gip di Brindisi Giuseppe Licci, su richiesta del pm Iolanda Daniela Chimienti, le abitazioni residenziali con caratteristiche di lusso, con caratteristiche di lusso e valore stimato di 8 milioni di euro, sarebbero state realizzate nonostante i permessi per costruire autorizzassero la costruzione di residenze agricole.

Per gli investigatori si tratta di una “preordinata speculazione agricola che ha prodotto un illecito vantaggio a tutti i soggetti convolti e ingiusto danno alle casse comunali”. Le abitazioni si trovano nelle contrade San Barbato, Eredità, Antoglia, Abate Carlo, Mannara, Parpullo, Carnevale, Renna, Monte Scotaro, Monte Gallo e zone limitrofe.

Le costruzioni sarebbero state edificate in difformità al pug e alle disposizioni di legge regionali, oltre che alle prescrizioni della Regione Puglia. I sigilli sono stati apposti all’esito di indagini avviate nel 2008 dal pm di Brindisi, Adele Ferraro, che hanno fatto emergere la partecipazione alla presunta lottizzazione abusiva di numerose persone.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento