Sequestrato il centro di raccolta dei rifiuti solidi urbani di Brindisi

Anomalie nella gestione delle acque meteoriche di dilavamento del piazzale. I mezzi della ditta Ecotecnica continueranno a operare

BRINDISI – I carabinieri del Noe di Lecce hanno posto sotto sequestro il centro comunale di raccolta di rifiuti della Ecotecnica, società appaltatrice del servizio per conto del Comune di Brindisi, situato nella zona industriale. I sigilli sono stati apposti in esecuzione di un decreto emesso dal gip del tribunale di Brindisi, a seguito di un controllo effettuato dai militari nell’ambito della “Direttiva operativa 2019” del comando per la tutela ambientale di Roma. La struttura si estende su circa 5mila 500 metri quadri. 

Da quanto appurato dagli carabinieri, le acque meteoriche di dilavamento del piazzale del centro di raccolta, veniva utilizzate per la subirrigazione senza la prescritta autorizzazione. 

La misura cautelare è riferita alla sola azienda e non anche ai mezzi utilizzati per l’effettuazione del servizio, che pertanto potranno continuare ad operare con diverse modalità gestionali recapitando, per esempio, i rifiuti raccolti o verso altri centri intermedi o direttamente verso altre filiere di recupero/smaltimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Ceglie Messapica. Al San Raffaele positiva una fisioterapista. Altri in quarantena

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Cinque nuovi casi in provincia di Brindisi, nessuna persona deceduta

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Triage casi sospetti senza struttura d'attesa: ambulanze bloccate

Torna su
BrindisiReport è in caricamento