Sequestrato il deposito di Cannone

BRINDISI – E’ finita sotto sequestro ieri da parte dei carabinieri del Noe di Lecce un’area di 45mila metri quadrati (quattro ettari e mezzo) nell’autoparco di demolizione e deposito giudiziario dell’impresa Cannone. I reati ipotizzati dagli investigatori del Nucleo di tutela ambientale dell’Arma sono gravi: gestione illecita di rifiuti speciali e pericolosi, ed esercizio di discarica abusiva. Ne dovrà rispondere il legale rappresentante della società che è stato denunciato alla procura della Repubblica di Brindisi. Il valore del complesso sotto sequestro, che è quello del deposito giudiziario – fonte di notevoli entrate per i gestori - si aggira attorno a due milioni di euro.

Una veduta del deposito sequestrato dal Noe

BRINDISI – E’ finita sotto sequestro ieri da parte dei carabinieri del Noe di Lecce un’area di 45mila metri quadrati (quattro ettari e mezzo) nell’autoparco di demolizione e deposito giudiziario dell’impresa Cannone. I reati ipotizzati dagli investigatori del Nucleo di tutela ambientale dell’Arma sono gravi: gestione illecita di rifiuti speciali e pericolosi, ed esercizio di discarica abusiva. Ne dovrà rispondere il legale rappresentante della società che è stato denunciato alla procura della Repubblica di Brindisi. Il valore del complesso sotto sequestro, che è quello del deposito giudiziario – fonte di notevoli entrate per i gestori - si aggira attorno a due milioni di euro.

E’ sorprendente, per alcuni versi, la situazione in cui l’area versava pur nella consapevolezza, da parte della società interessata, del fatto che i parchi di demolizione e i depositi giudiziari di veicoli, natanti e altri beni mobili come moto, caravan, roulotte, macchine agricole e altro, sono soggetti a visite di routine da parte degli enti preposti alla vigilanza sul rispetto delle norme ambientali. Ora il sito dovrà essere passato al setaccio anche dalla Asl, dall’Arpa, dal Comune e dalla Provincia per le ispezioni e gli accertamenti, nonché i provvedimenti di competenza, che includono la sospensione o la revoca delle autorizzazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto i carabinieri del Noe di Lecce, al comando del capitano Nicola Candido, hanno trovato vaste estensioni di rifiuti speciali e pericolosi stoccati senza autorizzazione e sulla nuda terra: batterie esauste di automezzi, pneumatici, parti di motori e carrozzerie, cavi, veicoli consegnati per la demolizione, demoliti e mai bonificati a centinaia, che sono considerati a tutti gli effetti di legge rifiuti speciali. Inoltre, date le modalità di stoccaggio che erano in molti casi precarie tanto da ostruire la circolazione degli addetti all’interno del deposito, i carabinieri hanno rilevato anche rischi per la sicurezza sul lavoro degli stessi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Coronavirus, solo un caso in Puglia. Due morti nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento