Fa sesso con prostituta, poi si impossessa del suo borsellino: nei guai 87enne

E' accusato di sfruttamento della prostituzione e detenzione illegale di armi e munizioni

BRINDISI – Sfruttamento della prostituzione e detenzione illegale di armi e munizioni. Sono queste le accuse da cui dovrà difendersi un 87enne brindisino denunciato nella serata di ieri dai carabinieri della stazione Brindisi Centro dopo la segnalazione di una 22enne nigeriana. Vittima dell’anziano pensionato.

La donna, domiciliata a San Vito dei Normanni, in possesso di regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari si è rivolta ai carabinieri dopo che l'anziano “cliente” si era appropriato del suo borsellino dimenticato nella sua auto dopo un rapporto sessuale consenziente. Dentro c’erano 320 euro. L’anziano, alla richiesta di restituzione del portafoglio, ha risposto con frasi minacciose dicendo che se si fosse rivolta ai carabinieri l’avrebbe uccisa.

La donna ha anche raccontato che l’87enne abitualmente l’accompagnava a Latiano, dove essa esercita la prostituzione sulla pubblica via, ricevendo in cambio del passaggio favori sessuali. I carabinieri, al termine della perquisizione domiciliare eseguita presso l’abitazione dell’uomo, hanno rinvenuto il portafoglio di proprietà della 22enne, contenente la somma dichiarata, ulteriori 1.350 euro in contanti di cui l’uomo non ha saputo giustificare la provenienza, nonché 76 proiettili per pistola, di diversi calibri, illegalmente detenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento