Sorpreso a rubare farmaci, mascherine e altro: arrestato dipendente Asl

Si tratta di un assistente tecnico di Nefrologia e Dialisi, è accusato di peculato. Arresto operato dai Nas

BRINDISI – Sorpreso ad appropriarsi  indebitamente di farmaci, materiale sanitario, presidi medico chirurgici: arrestato un dipendente della Asl di Brindisi. I fatti si sono verificati nella serata di giovedì 12 marzo, l’uomo è stato scoperto dai carabinieri del Nas di Taranto. Si tratta di un assistente tecnico di Nefrologia e Dialisi, è accusato di peculato.

All’interno della sua auto è stato trovato materiale sanitario di provenienza ospedaliera: una confezione di mascherine chirurgiche monouso senza fibra di vetro nel numero di 50 pezzi, una confezione da 200 pezzi di guanti in nitrile, una confezione di “amuchina med” flacone da 500 ml riportante le indicazioni “confezione ospedaliera”, una confezione del farmaco “sodio cloruro iniettabile” da 250 ml, diverse confezioni di dispositivi medici del tipo ago cannula, garze idrofile sterili. Una confezione del farmaco anestetico “propofol kabi”;

Presso il domicilio invece sono stati trovati: 26 mascherine chirurgiche monouso prive di imballaggio, 1 flacone da 1000 ml di “neomedil 0,25%+70%” soluzione cutanea, 1 flacone da 500 ml di “demosept”, 1 flacone da 250 ml del farmaco “sodio cloruro”, 2 confezioni da 50 mascherine chirurgiche monouso, 1 confezione di 200 guanti monouso in nitrile, 11 presidi per medicazione adesiva.

“In relazione a quanto accertato, attesa la qualità di pubblico ufficiale rivestita dall’assistente tecnico di dialisi presso la Asl di Brindisi – Uoc di nefrologia e dialisi,  e ritenuta la gravità dell’evento, verificatosi nell’attuale contesto di particolare rilevanza sociale quale è l’emergenza da infezione Covid-19 che ha reso in questo momento storico di importanza vitale la disponibilità presso le strutture ospedaliere dei presidi medici suddetti, lo stesso è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari presso il proprio domicilio”. Si legge in una nota del procuratore Antonio De Donno.

“Attesa la situazione emergenziale e l’indisponibilità del materiale sanitario già da tempo contingentato, il magistrato di turno ha disposto l’immediata restituzione di quanto sottratto al Direttore Sanitario dell’Ospedale Civile “Antonio Perrino” di Brindisi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento