Sorpreso con 15 dosi di cocaina nei pantaloni: dai domiciliari al carcere

Nuovi guai per il brindisino Gianmarco Stabili, già arrestato lo scorso dicembre per detenzione ai fini di spaccio di droga

BRINDISI – Nuovi guai per il brindisino Gianmarco Stabili, 23 anni. Il giovane, già recluso presso la propria abitazione in regie di domiciliari, è stato nuovamente arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, evasione e resistenza a pubblico ufficiale a seguito di un controllo effettuato dai carabinieri del Norm della compagnia di Brindisi al comando del tenente Luca Colombari. Stavolta, per lui, si sono aperte le porte della casa circondariale.

Una pattuglia dell’Arma ha notato Stabili nei pressi di piazza Mantegna, al rione Sant’Elia, intorno alle ore 16 di venerdì (17 marzo). QuandoFoto STABILI Gianmarco, classe 1994-2 l’equipaggio lo ha fermato per un controllo, Stabili avrebbe tentato di opporsi alla perquisizione, spintonando e minacciando i militari.

Ma alla fine i carabinieri hanno avuto la meglio, trovandogli addosso, nascoste nei pantaloni, 15 dosi di cocaina del peso pari a circa 5 grammi. Erano 60, invece, le dosi che lo scorso dicembre i poliziotti della Squadra mobile recuperarono a casa di Stabili (nella foto a destra), tutte nascoste in una scatola di cartone. Da allora il 23enne era recluso in regime di domiciliari. 

Sempre i militari del Norm della compagnia di Brindisi hanno arrestato per evasione il brindisino Pasquale Luperti, 35 anni. L’uomo è stato sorpreso all’esterno del luogo in cui era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Dopo le formalità di rito, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Incidenti stradali: raffica di condanne per “ponci” a Brindisi

    • Cronaca

      Licenziamenti dopo cambio di appalto: secondo giorno di protesta a Cerano

    • Cronaca

      Muore dopo dimissioni dal Pronto soccorso: i parenti chiedono chiarezza

    • Cronaca

      Parte laboratorio emotivo-corporeo nella casa circondariale di Brindisi

    I più letti della settimana

    • Giovane padre di famiglia muore all'improvviso: autorizzato l'espianto degli organi

    • Conflitto a fuoco fra benzinaio e malvivente: esplosi almeno sei colpi

    • Donna muore in ospedale dopo intervento chirurgico: presentata denuncia

    • Omicidi e armi, libero il pentito Bullone: chiede la riduzione della pena

    • Prosciugato il conto di due anziani di Cellino: arrestati nipote e direttore della Posta

    • Muore dopo dimissioni dal Pronto soccorso: i parenti chiedono chiarezza

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento