Sotto sequestro il tesoro del “caporale”

VILLA CASTELLI - Ex “caporale”, passato di grado – secondo gli investigatori – a “caporale dei caporali”, non servendo una qualche Forza dello Stato, ma nelle campagne, sfruttando la manodopera. Condotta per la quale è stato riconosciuto colpevole con una condanna in via definitiva nel 2001.

Il sequestro a Villa Castelli

VILLA CASTELLI - Ex “caporale”, passato di grado – secondo gli investigatori – a “caporale dei caporali”, non servendo una qualche Forza dello Stato, ma nelle campagne, sfruttando la manodopera. Condotta per la quale è stato riconosciuto colpevole con una condanna in via definitiva nel 2001.

Finiscono sotto sequestro preventivo tutti i beni riconducibili a Federico Rossini, 45 anni, di Villa Castelli, e ai componenti del nucleo familiare, moglie e due figli, nonostante la separazione dei coniugi.

Come farà tutta la famiglia a possedere a vario titolo beni per un valore complessivo di un milione e settecento mila euro, quando dal 2004 al 2009 (periodo finito sotto la lente d’indagine), ognuno dei suoi componenti ha guadagnato a cranio la miserrima somma di 2-3mila euro? Così è scattata l’indagine dei militari della Compagnia di Francavilla Fontana, coordinati dal capitano Antonio Triggiani, a Villa Castelli, città in cui sono stati disposti tutti i sigilli richiesti dal sostituto procuratore Luca Bucchieri.

Un provvedimento di sequestro preventivo, eseguito in applicazione della normativa antimafia. Quattro lussuosi appartamenti: casa patronale in cui vivevano ex moglie e figlio, appartamento con attico intestato ad altro figlio, cantine adibite ad ufficio in cui c’erano le aziende di capitali che gestivano terreni agricoli e proventi di tre società fittizie operanti nel settore agricolo, edile e dell’organizzazione di viaggi.

E ancora 9 auto tra macchine di  grossa cilindrata e d’epoca (tra cui quella in uso  a Federico Rossini, un suv modello Ford Kuga, una Mercedes classe B e una Citroen C3 in uso alla moglie, una Fiat 500 nuova per uno dei figli e 4-5 auto d’annata. Rossini, tra l’altro, nel tempo ha accumulato una serie di altri reati: è finito agli arresti domiciliari per evasione fiscale e false fatturazioni, ha accumulato denunce che vanno dalla bancarotta fraudolenta al riciclaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un imprenditore – ha detto in conferenza stampa il comandante provinciale delle Fiamme gialle, il colonnello Vincenzo Mangia – che vive ai margini della legge”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

Torna su
BrindisiReport è in caricamento