Arrestato per spaccio non rispetta gli obblighi: aggravata misura cautelare

Fu arrestato in flagranza di reato a maggio scorso nell’ambito di un’attività antidroga. Fu trovato con cocaina e di marijuana

LATIANO - I carabinieri della stazione di Latiano, hanno dato esecuzione all’ordinanza di sostituzione della misura coercitiva attualmente in atto dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria con quella degli arresti domiciliari nei confronti del 30enne del posto Raffaele Spina. Il provvedimento è stato emesso a causa del mancato rispetto degli obblighi e delle prescrizioni impartite dal giudice.

Spina fu arrestato in flagranza di reato a maggio scorso nell’ambito di un’attività antidroga. Fu trovato con 4,9 grammi di cocaina, 35,9 grammi di marijuana, e ulteriori 14,1 grammi della stessa sostanza. Inoltre, nel corso della perquisizione fu rinvenuto un trita erba metallico di color alluminio, comunemente noto come “grinder” e un sacchetto con ritagli di cellophane di forma circolare generalmente utilizzati per il confezionamento in dosi delle sostanze stupefacenti.

Fasano

I carabinieri della stazione di Fasano, invece, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare, emessa dal Tribunale per i Minorenni di Lecce, nei confronti di un minore ora maggiorenne, sottoposto alla misura cautelare del collocamento in comunità perchè accusato di furto. La misura cautelare scaturisce dalla richiesta di aggravamento del provvedimento  al quale il giovane era già sottoposto a seguito delle reiterate violazioni commesse sia a Fasano che a Lecce. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto di magnitudo 5.8 presso Durazzo, paura nel Brindisino

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • Terremoto: nuove scosse in Albania, 100 feriti, e nel Salernitano

  • Cocaina per mezzo milione di euro: brindisino condannato a sette anni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento