Speronati dalla vittima dopo la rapina, condannato a 10 anni uno dei banditi in moto

FRANCAVILLA FONTANA – Dieci anni di carcere per Bartolomeo Begher, 36 anni, francavillese, riconosciuto colpevole della rapina consumata il 26 luglio scorso a Francavilla Fontana a Giosuè Rodia, 31 anni, gestore dell’Agip di via Brindisi, e del suo ferimento a colpi di pistola. Begher, difeso dall’avvocato Daniela Damuri, è stato giudicato con il rito abbreviato dinanzi al giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Licci. La pubblica accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Nicola Ghizzardi, aveva chiesto la condanna a dodici anni di reclusione.

La scena dello speronamento

FRANCAVILLA FONTANA – Dieci anni di carcere per Bartolomeo Begher, 36 anni, francavillese, riconosciuto colpevole della rapina consumata il 26 luglio scorso a Francavilla Fontana a Giosuè Rodia, 31 anni, gestore dell’Agip di via Brindisi, e del suo ferimento a colpi di pistola. Begher, difeso dall’avvocato Daniela Damuri, è stato giudicato con il rito abbreviato dinanzi al giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Licci. La pubblica accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Nicola Ghizzardi, aveva chiesto la condanna a dodici anni di reclusione.

Proseguono invece le indagini per quanto riguarda il complice: Pancrazio Carrino, 28 anni, di San Pancrazio Salentino, catturato la mattina dell’8 agosto scorso in una tenda da campeggio sulla spiaggia di Torre Castiglione, tra Porto Cesareo e Punta Prosciutto, sul tratto costiero ionico in territorio di Lecce. Il ricercato era mimetizzato tra centinaia di bagnanti che affollavano quel punto del litorale. Non oppose resistenza e declinò ai carabinieri le proprie esatte generalità. E’ accusato di concorso in rapina, anche di tentato omicidio e porto e detenzione illegale di arma da fuoco. Carrino, difeso dall’avvocato Marcello Falcone, non ha mai risposto alle domande del magistrato inquirente. Le indagini nei suoi confronti proseguono e proprio in questi giorni il Ris ha depositato alcune perizie.

La rapina fu messa a segno verso le 9,30 in via San Francesco. Una maxi-moto bloccò la Renault R4 di Rodia. Il passeggero della moto, armato di pistola, lo fece scendere e gli chiese il borsello nel quale c’erano 37mila euro (incasso del sabato e della domenica del distributore automatico) che Rodia stava andando a depositare in banca. Il giovane il borsello invece di consegnarlo lo lanciò contro i malviventi e l’uomo armato di pistola gli sparò contro ferendolo all'inguine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rodia, pur ferito, saltò a bordo della propria vecchia Renault 4 e inseguì i rapinatori che nel frattempo erano stati rallentati dal semaforo, li raggiunse e speronò violentemente la Yamaha, provocando la loro caduta. Begher, che riportò lesioni alla colonna vertebrale, fu costretto a ricorrere ai medici dell’ospedale “Camberlingo”, e dopo poco fu arrestato. Del complice si persero le tracce per qualche giorno. Ora Begher è stato condannato a dieci anni di carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

  • Mesagne, un tuffo nel blu: quando l’asfalto si fa tela

Torna su
BrindisiReport è in caricamento