Strade provinciali a Sud di Brindisi sempre più pericolose: parte la raccolta firme

Le strade provinciali a sud di Brindisi sempre più simili a percorsi di guerra, pericolosissime. Davanti all'inerzia della Provincia si muove un consigliere di minoranza di San Pietro Vernotico, Michele Lariccia organizzando una raccolta firme

La provinciale per Mesagne

SAN PIETRO VERNOTICO – Le strade provinciali a sud di Brindisi sempre più simili a percorsi di guerra, pericolosissime. Davanti all’inerzia della Provincia, l’ente che dovrebbe provvedere alla manutenzione, si muove un consigliere di minoranza di San Pietro Vernotico, Michele Lariccia, segretario cittadino di Forza Italia, organizzando una raccolta firme per la messa in sicurezza delle arterie stradali che collegano San Pietro Vernotico a Mesagne, Campo di Mare, Torchiarolo e Brindisi. L’appuntamento è per domenica 23 aprile in piazza Beniamino Persano, via Brindisi: dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

vigili sulla san pietro torchiarolo sp84-2

Si tratta di strade conosciute purtroppo anche per i numerosi incidenti anche mortali. Fermo restando che alla guida occorre adottare la massima prudenza, certamente l’asfalto disconnesso e consumato contribuisce alla perdita di controllo dei veicoli e troppo spesso qualcuno ha pagato con la vita.

“Ci teniamo a sottolineare che la manifestazione non avrà colori politici o simboli di partito in quanto l'argomento in oggetto è di tale rilevanza da non poter essere nella maniera più assoluta oggetto di alcuna strumentalizzazione politica – scrive Lariccia – le firme a sostegno dell' iniziativa e il materiale fotografico che già abbiamo a disposizione verranno conservati all'interno di un fascicolo che sarà posto all' attenzione delle autorità competenti, del Prefetto. 
Invitiamo quindi i cittadini della fascia Sud di Brindisi, i rappresentanti istituzionali a tutti i livelli, associazioni e sindacati del territorio a dare il proprio contributo a questa grande battaglia di civiltà che riguarda tutti noi indistintamente.


sp84 san pietro torchiarolo-2

Lo stato in cui versano le strade per cui si stanno chiedendo interventi urgenti (anche il sindaco di Torchiarolo, Nicola Serinelli, in passato chiesto la sistemazione della sp 84, caratterizzata da buche e asfalto sconnesso) è disastroso.

“Se la Provincia non ha fondi per garantire la messa in sicurezza o il completamento lavori è ora che la manutenzione delle arterie stradali Michele-lariccia-2sia affidata ad un ente che possa garantire la sicurezza degli utenti. La situazione è molto seria”, aggiunge Lariccia.

La strada che collega San Pietro alle marine ma anche agli svincoli della superstrada sia per Lecce che per Brindisi, con l’arrivo della stagione estiva diventerà una delle arterie più frequentate e purtroppo ha già mietuto fin troppe vittime, specie tra giovani. Quella per Torchiarolo conduce anche allo svincolo della superstrada per Lecce e alla piattaforma di distribuzione Eurospin a tutte le ore del giorno e della notte, è percorsa da decine di Tir che non fanno altro che indebolire un asfalto già compromesso rendendolo sempre più pericoloso. La rotatoria posta alle porte di San Pietro sulla sp84 è completamente al buio.

Anche le provinciali per Brindisi e Mesagne sono poco sicure per la mancata manutenzione nel corso degli anni, e anche lì gli incidenti stradali sono frequenti, anche quelli mortali. E ora che qualcuno si muova. Intanto i cittadini che vogliono la messa in sicurezza di queste strade possono far sentire la propria voce attraverso la raccolta firma di domenica prossima.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • La provincia dorme. A dimostrazione di quanto siano inutili

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Corruzione Enel: dipendenti indagati licenziati, dirigenti trasferiti

  • Cronaca

    “Porta ottomila euro domani, altrimenti bruciamo tutto”

  • Cronaca

    Le mani della Scu sul fotovoltaico, nove condanne definitive e una annullata con rinvio

  • Cronaca

    Rapina in gioielleria al centro commerciale, pene ridotte in appello

I più letti della settimana

  • "Niente posto per mio figlio. Sembrava di essere in un film di guerra"

  • Estorsioni, rapine, droga e Kalashnikov: undici arresti

  • "Un grosso felino nelle campagne": ricerche tra molti dubbi

  • Mamma e figlia senza casa e senza lavoro: "Aiutateci, siamo disperate"

  • Rapina nella farmacia comunale: banditi armati di coltello, due feriti

  • “Festa patronale, biglietti gratis sennò benzina”: estorsione di stampo mafioso ai giostrai

Torna su
BrindisiReport è in caricamento