Svuotata la cassaforte della Asl

OSTUNI – Assalto alle casse dell'ospedale della Città Bianca. Ladri scatenati ad Ostuni non risparmiano nemmeno le strutture pubbliche mettendo a segno un colpo da svariate migliaia di euro ai danni del Centro unico di prenotazione dell'ospedale. La struttura di via Miccoli con ingresso dall'esterno del nosocomio di via Villafranca. I malviventi hanno messo a segno il colpo agendo indisturbati nel cuore della notte, agevolati soprattutto dal fatto che non esistono sistemi particolarmente efficaci a protezione della struttura ospedaliera di via Miccoli.

L'ingresso del Cup di Ostuni

OSTUNI – Assalto alle casse dell'ospedale della Città Bianca. Ladri scatenati ad Ostuni non risparmiano nemmeno le strutture pubbliche mettendo a segno un colpo da svariate migliaia di euro ai danni del Centro unico di prenotazione dell'ospedale. La struttura di via Miccoli con ingresso dall'esterno del nosocomio di via Villafranca. I malviventi hanno messo a segno il colpo agendo indisturbati nel cuore della notte, agevolati soprattutto dal fatto che non esistono sistemi particolarmente efficaci a protezione della struttura ospedaliera di via Miccoli.

A cominciare dalla porta d'ingresso per finire ai sistemi d'allarme o videocamere di sorveglianza. Così, dopo aver sfondato un portoncino in anticorodal, si sono introdotti nei locali della struttura deputati alla richiesta e al conseguente pagamento delle prestazioni ospedaliere fornite dalla Asl su tutto il territorio provinciale e hanno raggiunto la cassaforte. Anche in questo caso è stato un gioco da ragazzi divellere completamente lo sportello della cassaforte e appropriarsi del contenuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il bottino, ancora in corso di quantificazione precisa oscillerebbe tra i 12 ed i 16mila euro. Preso il danaro i ladri sono fuggiti facendo perdere le tracce. Lo scempio è stato scoperto solo di primo mattino quando il responsabile della struttura si è recato sul posto per aprire gli uffici. E' stato lui stesso a chiamare i carabinieri della stazione di Ostuni che ora indagano per risalire agli autori del colpo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento