Telecamere sulla Città: per sicurezza

OSTUNI - Dopo Fasano, occhi vigili anche su Ostuni. Il progetto del "Sistema di videosorveglianza del Comune" inserito nell'"Obiettivo Città sicura" e presentato nell'ambito del programma operativo nazionale "Sicurezza e sviluppo-obietivo convergenza 2007-2013, è stato ammesso al finanziamento per la somma richiesta di 350 mila euro. La conferma è giunta dal ministero dell'Interno con una nota a firma del capo del dipartimento di Pubblica Sicurezza inviata anche alle prefetture di Bari e Brindisi.

Viale Pola, a Ostuni

OSTUNI - Dopo Fasano, occhi vigili anche su Ostuni. Il progetto del "Sistema di videosorveglianza del Comune" inserito nell'"Obiettivo Città sicura" e presentato nell'ambito del programma operativo nazionale "Sicurezza e sviluppo-obietivo convergenza 2007-2013, è stato ammesso al finanziamento per la somma richiesta di 350 mila euro. La conferma è giunta dal ministero dell'Interno con una nota a firma del capo del dipartimento di Pubblica Sicurezza inviata anche alle prefetture di Bari e Brindisi.

La notizia è stata ufficializzata e resa pubblica stamane dal sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Palazzo San Francesco. Tanzarella ha espresso tutta soddisfazione per quella che definisce "una svolta epocale sul tema della sicurezza e del rispetto della Legalità".

"Da tre, quattro anni ormai attendevamo con particolare ansia questo finanziamento specialmente a seguito di quelle vicende che caratterizzarono la nostra città e resero impellente un sistema di controllo e di videosorveglianza che potesse servire anche da prevenzione e supporto all'attività di controllore e di intelligence da parte dello forze dell'ordine". Il riferimento del primo cittadino è al periodo buio vissuto dalla Città bianca a cavallo tra il 200 e il 2009, quando imprenditori e politici locali furono presi di mira da una banda di estorsori (poi finiti alla sbarra) e fatti oggetto di attentati incendiari e plateali azioni intimidatorie.

Saranno complessivamente coperti 10 chilometri quadrati per una densità di 1400 abitanti per kmq, a copertura quindi di buona parte delle aree ad alta densità di popolazione e commerciali. "Ci auguriamo - sottolinea e conclude Tanzarella - che questo possa costituire un deterrente ed eliminare, se non del tutto, notevolmente anche gli episodi di micro o macro criminalità che hanno caratterizzato la nostra città e che, ad onor del vero, si sono ridotte anche per il particolare intervento e l'attenzione di tutte le forze dell'ordine che hanno garantito la sicurezza e la tranquillità del territorio. Ringrazio per la collaborazione prestata il comandante della Polizia municipale, dott. Lutrino (responsabile del procedimento) insieme all'Utc ed il ministero dell'Interno che ha approvato questo nostro progetto".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Nuova svolta nelle indagini sul clan Brandi: scoperto deposito di armi e droga

    • Cronaca

      Trovati ventuno chilogrammi di tritolo sulla spiaggia di Lido Presepe

    • Cronaca

      Ancora un maxi-sequestro di marijuana in mare: arrestati tre scafisti albanesi

    • Eventi

      Donati oltre 200 libri e materiale didattico ai bambini di Norcia

    I più letti della settimana

    • La scala si ribalta e cade battendo la testa: muore poco dopo in ospedale

    • Scontro fra quattro veicoli sulla provinciale: un morto e tre feriti

    • Hascisc e marijuana nella cappa della cucina: arrestato un giovane brindisino

    • Auto si ribalta sulla Brindisi-Tuturano: due donne e un bimbo in ospedale

    • Auto si ribalta sulla provinciale: grave la conducente, illesa la figlia

    • Nuova svolta nelle indagini sul clan Brandi: scoperto deposito di armi e droga

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento